Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

25/04/19 ore

Gianfranco Fini, il distacco fra le parole e le cose



Forse è proprio sulla frattura tra parole e cose che si consuma la parte più evidente della crisi della politica. Gli attuali attori politici, in preda ad un evidente confusione, continuano a fare il verso alla verità delle cose, presumendo con parole, che appaiono palesemente fasulle, di poter far credere che è in atto un grande processo di cambiamento.

 

Che questa classe politica sia incapace di essere la protagonista di qualsiasi cambiamento è oramai certo. Sicuramente può contare su un sistema informativo che cerca di aiutare la sua immagine. Ma il suo declino e lasua credibilità è alla frutta.

 

Non è il solo caso e forse non è tra quelli di maggiore rilevanza in questo momento, eppure, ad esempio, non può non apparire paradossale il modo con cui il presidente della Camera Gianfranco Fini, tenendo la sua relazione al partito da lui inventato “Futuro e Libertà”, abbia dato concreta evidenza a quello che cerchiamo di sostenere.

 

“Siamo nella generazione Balotelli, vi è quindi necessità di affermare i diritti di cittadinanza, bisogna sostenere la libertà di ricerca, la famiglia ha oggi nuove forme” …. Interessante si potrebbe dire…. Ma la domanda resta: Fini non è quello della Bossi-Fini sull’immigrazione, della legislazione per criminalizzare che fuma un po’ di marijuana (legge Fini-Giovanardi); quali sono gli atti parlamentari e le iniziative politiche prodotte per dare forma concreta a queste intenzione da parte del presidente della Camera e del suo partito (che a settembre diventerà con altri – non si sa chi – un nuovo polo!) …

 

Ecco la frattura tra parole e cose, ecco la politica ridotta a puro vaniloquio. Ecco un’altra forma in cui la politica si discredita (ovviamente assieme a tutte le altre dinamiche – finanziamenti pubblici, ruberie, ecc. ecc. – che portano i cittadini al disgusto).

 

Interviene sull’argomento Giuseppe Rippa, direttore di Agenzia Radicale e Quaderni Radicali, nel Video Flash Agenzia Radicale che presenta interventi, commenti, editoriali in audiovideo realizzati con Skype e proposti in tempo reale sugli avvenimenti del giorno.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna