Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/11/18 ore

Centrosinistra: tutti disuniti appassionatamente…


  • Ermes Antonucci

Con la candidatura di Nichi Vendola si profila uno scontro a tre nelle primarie del centrosinistra del prossimo novembre. Nell’assemblea nazionale del Pd, tenutasi lo scorso sabato, al segretario Bersani è stato affidato il mandato di discutere con gli alleati le regole delle primarie, basandosi su alcuni indirizzi, tra i quali figura l’impegno vincolante per tutti i candidati di appoggiare il candidato vincitore.

 

Se si pensa ai diversi scenari che potrebbero svilupparsi, è facile comprendere come queste primarie siano caratterizzate dal confronto tra posizioni nel complesso difficilmente conciliabili, frutto di culture politiche radicalmente differenti. Ciò porta a dei paradossi.

 

Bersani cerca di difendere la propria leadership, Renzi ha come obiettivo la rottamazione del segretario democratico, in quanto espressione di un’anziana classe dirigente e di un’antica politica, Vendola intende rottamare Renzi per la sua adesione al modello liberista: Vendola vuole rottamare Renzi che vuole rottamare Bersani. Insomma, in caso di sconfitta, il sindaco di Firenze e il governatore pugliese si troverebbero a dare il proprio sostegno al mancato “rottamato” di turno.

 

L’immagine è quella di una coalizione difficilmente sostenibile: quanto potrebbe sopportare Renzi l’arcaica politica di Bersani e dei vertici democratici? E Vendola come potrebbe decidere di sostenere quella sinistra renziana “subalterna al modello liberista che sta scorticando l’Europa” (un’affermazione che ricorda – com’è spiritosa la storia – il marxista “spettro che s’aggira per l’Europa”)?

 

Il punto è che invece di presentarsi come un confronto interno al centrosinistra, la sfida tra i tre leader assomiglia, per la profondità delle distanze reciproche, a vere e proprie elezioni politiche nazionali. Con la semplice ma immensa differenza che in quel caso, una volta sconfitti, non si è vincolati a sostenere il vincitore. In questo modo il rischio è quello di veder nascere una larga coalizione di prodiana memoria, con correnti e malumori interni inizialmente soffocati ma pronti ad esplodere.

 

Manca, in tutto questo, l’idea di un centrosinistra evoluto e moderno, che condivide alcuni saldi principi sul modo di vedere e vivere la politica, e che in virtù di tale concordanza è in grado di confrontarsi concretamente sulle diverse proposte di governo. 


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-10-09 17:11
L'UNICO COSA CERTA E' LA LOTTA INTESTINA TRA DIVERSE CORRENTI VETERO COMUNISTE X L'EGEMONIA DELLA GESTIONE MAFIOSA DEL POTERE IN CONFORMITA' AL LORO GOVERNO GOLPISTA LIBERTICIDA DI SICARI DELLE CUPOLE MAFIO SIONISTE MASSONICHE CHE DIRIGONO CON I LORO DICTAT DETTI MARAMALDI CON GLI ALTRI PARTITI CANAGLIA CHE SI SONO A LORO PROSTITUITI.
COSCHE MALEDETTE CHE HANNO FATTO DEGENERARE IL GIA' LERCIO REGIME PARTITOKRATIKO A DELINQUERE, COSì BEN DEFINITO DALL'AFFILIATO PANELLA, IN QUESTA VESSATORIA, DITTATURA DI POLIZIA FISCALE MASSON-BOLSCEVI CA, BEN + ODIOSA E CRUENTA DELLA PRECEDENTE FASCIO SAVOIARDA, CHE DI CERTO NON INDUCEVA TANTI SUDDITI ALLA DISPERAZIONE FINO AL SUICIDIO, PRIVANDO INTERE NUOVE GENERAZIONI DI OGNI SPERANZA DI FUTURO X GLI SPRECHI , PRIVILEGI, PREDAZIONI ISTITUZIONALI PLURIDECENNALI DI TUTTI QUESTI TURPI BOIARDI!
A TANTA INFAMIA:
DUCE RISORGI!
CHE TI PERDONIAMO!
GRILLO FACCI ALMENO SOGNARE!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna