Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/10/19 ore

Riforme: quello scatto d'orgoglio che manca


  • Silvio Pergameno

 

Si parla molto, da un po’ di tempo in qua, di elezioni anticipate, e si dibatte sulle varianti del caso: chi le vuole e chi no, in entrambi i maggiori partiti, e poi Berlusconi si presenta o non si presenta e l’interessato che si diverte a giocarci sopra e a tenere tutti con il fiato sospeso e gli avversari che disquisiscono se è bene dargli corda o minimizzare.

 

E nessuno tiene conto del fatto principale, e cioè che per fare le elezioni bisogna prima sciogliere le Camere e che, al riguardo, i partiti, viziati come sono a pensare che tutto dipende dalla loro volontà, nemmeno si accorgono che la competenza in materia è del Presidente della Repubblica, come stabilito dall’art. 88 della costituzione.

 

E per di più in una situazione nella quale tutto lascia pensare che un Presidente della Repubblica che ha già dimostrato di voler esercitare nella loro pienezza i poteri che la costituzione gli conferisce, non sia disposto ad interrompere l’opera iniziata con la nomina del governo Monti e con i primi passi di un processo riformatore, che il paese sta attendendo da diversi decenni.

 

Il chiacchiericcio sulle elezioni comunque non passa inosservato, perché è una chiara manifestazione della fronda contro il presente governo, del quale la classe politica, con le dovute eccezioni, lascia capire che non vede l’ora di liberarsi, per poter riprendere le vecchie abitudini. Si alimenta così la sensazione che l’Italia è un paese in cui può succedere di tutto e che non esiste affatto una ferma volontà di tener duro nell’opera di risanamento della nostra finanza nazionale, che è stata appena iniziata.

 

Con conseguenze fin troppo facili da immaginare. Né passa inosservato l’accantonamento della riforma della legge elettorale e della riforma costituzionale in senso semipresidenzialista, al fine di assicurare stabilità di governo e più sicura rappresentatività alle assemblee parlamentari. Si tornerà a votare col “porcellum”, quindi; del quale, comunque, deve essere capita la logica disperata e inconcludente.

 

La risposta all’attacco della speculazione dei poteri forti che operano attraverso i mercati doveva prendere forma prima di tutto in uno scatto di orgoglio di una classe politica cosciente di sé, che volesse prima di tutto mostrare di essere all’altezza della situazione, di essere in grado di affrontare i sacrifici necessari e di avviare un processo riformatore, cominciando dall’eliminazione dei privilegi accaparrati nel corso della prima Repubblica e da una decisa opera di pulizia interna. Da parte dei vertici dei partiti non c’è in realtà stata alcuna vera presa di posizione che dimostrasse almeno la consapevolezza dei rischi che il paese sta correndo.


Commenti   

 
0 #1 ilSocialista 2012-07-25 02:18
Lo scatto d'orgoglio non c'è; del resto era prevedibile; i politici di oggi sono di livello culturale e rappresentativo straordinariame nte basso non solo in Italia ma in tutto l'occidente; è uno degli effetti del trentennio reaganiano; la economia aveva sostituito la politica e poi la finanza l'economia; il mercato globalizzato doveva risolvere automaticamente tutti i problemi; ora scoprire all'improvviso che lo stesso mercato ti può anche ammazzare è troppo una sorpresa e richiede un cambio culturale troppo repentino; non per niente anche Obama ora si sta cacando sotto per la paura che le scosse telluriche arrivino anche da lui e ne ha ben ragione, perchè tutta la attuale classe politica sarà usata nei fondi di sputacchiera per i prossimi secoli.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna