Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/07/19 ore

Marijuana, la verità rivelata di Roberto Saviano


  • Antonio Marulo

Una volta si usava dire “lo hanno detto alla televisione”. Oggi basta dire “lo ha detto Saviano” che vicende, per altro note, guadagnano spessore assurgendo a verità rivelata.

 

Succede anche a un’antica “ossessione” radicale: la legalizzazione della marijuana, sulla cui bontà pare essere convinto anche l’autore del bestseller Gomorra.

 

In particolare, il nuovo antitaliano (a proposito, che fantasia!) prende spunto da quanto accade in Uruguay - dove “per battere il narcotraffico…lo Stato controllerà produzione e distribuzione” delle droghe leggere – per scrivere sulle colonne del settimanale 'L’Espresso' che “in Italia invece non si fa nulla. E le organizzazioni criminali ne approfittano”.

 

A tal proposito, Saviano cita il caso – che già i radicali avevano “cercato di portare all’attenzione dell’opinione pubblica solamente quindici giorni fa” - delle cosiddette "stanze del buco" per il consumo di eroina, attrezzate dalla camorra nelle Vele del rione Scampia a Napoli. “Non sono – scrive –  sale di consumo attrezzate (ce ne sono in giro per il mondo, ma in Italia è fantascienza), luoghi igienici dove viene fornito supporto psicologico a chi fa uso di sostanze stupefacenti. No, le stanze del buco sono luoghi di degrado. Stanze sporche, fatiscenti, terribili….”

 

“Qualcosa di sbagliato nelle politiche unicamente repressive riguardo alle droghe deve esserci – ipotizza Saviano -, se in tanti anni non c'è stato miglioramento, ma tanti passi indietro”. Ipse dixit!


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-07-08 12:33
il paese dei blà,blà, blà e dei quaquaraquà, cioè quello delle sanguisughe, loro accodati, e manutengoli di regime e quello reale dei sudditi di questo regime partitocratico a delinquere; regime ora degenerato con l'attuale dittatura fiscale finanziaria delle mafie in oggetto; dittatura ben più oppressiva e cruenta della precedente fascio savoiarda, che di certo non aveva indotto tanti sudditi alla disperazione fino al suicidio!
SANGUE INNOCENTE CHE GRIDA E CHIEDE SEMPRE PIU' VENDETTA AL COSPETTO DI DIO!
tutti codesti logorroici papponi e loro accodati, con la loro ipocrita demagogia, non hanno mai risolto alcunchè e tanto meno decapitato qualche clan mafioso!
liberiamoci da tutto questo pattume istituzionale-p artitocratico, riscattiamo la nostra dignità di uomini liberi e coscienti!
riprendiamoci la sovranità monetaria!
SOVRANITA' CHE APPARTIENE AI POPOLI NON AI DEMONI BURATTINAI DELLE CUPOLE IN OGGETTO E AI LORO SERVI PAPPONI BURATTINI!a
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna