Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/01/19 ore

Pena di morte, "arbitrarie e inique" le 100 esecuzioni in Iraq da inizio anno



L'Iraq ha giustiziato finora circa 100 persone dall’inizio dell’anno, un forte aumento rispetto agli anni precedenti, che fa aumentare le preoccupazioni sull’equità dei processi in un Paese in cui gli Stati Uniti hanno speso miliardi di dollari nel tentativo di riformare il sistema giudiziario dopo decenni di dittatura.

 

Il governo afferma che la maggior parte dei giustiziati sono stati condannati per terrorismo, mentre in Iraq continuano attentati esplosivi e scontri a fuoco, anche se non ai livelli di alcuni anni fa.

 

Gli osservatori internazionali temono che i procedimenti giudiziari siano iniqui e che alcuni processi abbiano motivazioni politiche - inclusa la condanna a morte in contumacia di questo mese contro il vice-presidente sunnita Tariq al-Hashemi, nemico di lunga data del primo ministro sciita Nuri al-Maliki, riconosciuto colpevole di aver guidato squadroni della morte.

 

Le esecuzioni nel 2012 di almeno 96 persone, tutte per impiccagione, costituiscono più di un quarto delle esecuzioni effettuate negli ultimi otto anni sotto leader che hanno lottato per stabilizzare un Paese in guerra, dopo la fine del regime di Saddam Hussein.

 

Christof Heyns, investigatore delle Nazioni Unite sulle esecuzioni arbitrarie, ha descritto le esecuzioni approvate dal governo come "uccisioni arbitrarie", commesse dietro una cortina fumogena di iniqui processi legali".

 

Heyns ha avvertito che la "persistente mancanza di trasparenza circa l'applicazione della pena di morte in Iraq solleva serie preoccupazioni circa la questione di cosa aspettarsi in futuro." Heyns ha espresso queste osservazioni in un comunicato nel mese di agosto, dopo che più di due dozzine di persone erano state giustiziate in una settimana.

 

Dal 2005, il governo iracheno ha giustiziato 372 persone, incluse almeno nove donne e diversi stranieri condannati per terrorismo, secondo i dati del Ministero della Giustizia. Il numero di stranieri messi a morte quest'anno non è disponibile. Nel solo ultimo mese, il governo ha giustiziato 26 persone, tra cui un saudita, un siriano e tre donne irachene.

 

Le esecuzioni sono state annunciate senza nessuna indicazione sui nomi e sui processi di coloro che sono stati giustiziati, provocando la denuncia internazionale. Haider al-Saadi, portavoce del Ministero iracheno della Giustizia, ha detto che la pena di morte è il modo migliore per il governo iracheno per alleviare le sofferenze dei familiari delle vittime.

 

"I criminali in Iraq non sono come quelli in Svizzera o dei paesi dell'Unione Europea o di qualsiasi altro paese", ha detto. "Oggi l'Iraq si trova ad affrontare i terroristi più pericolosi al mondo." I tribunali iracheni hanno emesso 867 condanne a morte dal 2004, con la maggior parte dei condannati ancora nel braccio della morte. (fonte Nessuno tocchi Caino)


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna