Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/07/24 ore

Gianfranco Baruchello in "Posta in partenza"



Una sala quadrangolare vuota dalle pareti bianche è lo scenario immaginario di una performance site-specific che ha in una sedia e in un tavolo il centro dell'azione. Seduto con delle lettere in mano è Gianfranco Baruchello che dopo averle lette le  imbusta per spedirle.

 

Il contenuto di tali missive è altrettanto fantasioso, sono indirizzate a famosi personaggi che hanno segnato la storia: Freud, Lacan, Klee, Leopardi, Spinoza e una misteriosa bambina  Maria B, (B. per Barruchello?), nomi che echeggiano poderosi dentro questo asettico ipotetico cubo bianco che è lo spazio Zoo Zone Art Forum di Viviana Guadagno alla sua seconda inaugurazione.

 

La figura assorta di Gianfranco Baruchello pervade la piccola e regolare dimensione della galleria non consentendo dispersione all'intima voce e azione performativa rivolta ad un dialogo impossibile ma reso percepibile al numeroso pubblico presente ridotto a voyeur che sbircia incuriosito le lettere che tiene sul tavolo.

 

«Se si capiscono, bene. Altrimenti, entrano a far parte del paesaggio», così dice l'artista che a giugno sarà nel Padiglione Italia della Biennale di Venezia. «Certo, ho una calligrafia decente, comprensibile, che nel corso degli anni è diventata più piccola perché - sostiene - ogni stagione della vita ha il suo corpo grafico».

 

La  “Mail art “ è un espressione molto cara a  Baruchello (Livorno1924) che nel 2011 lo aveva già impegnato all'Edicola Notte di H.H. Lim nel popolare quartiere romano di Trastevere. Ma se vogliamo andare ancora più indietro nel tempo fu proprio negli anni ’60 che spedì   a domicilio pacchi con prodotti scelti da un listino da lui stesso realizzato, di cui il più famoso fu quello mandato al Pentagono durante la guerra del Vietnam, di indubbio valore politico.

 

Definiti “Esercizi di media difficoltà” sono atti per varcare la consuetudine del quotidiano, la performance sopra descritta sarà visibile in un video nei giorni a seguire nella medesima galleria, una White Cube che ha già al suo attivo opere del gruppo Fluxus, Joseph BeuysGiuseppe Chiari, Cesar, Charlotte Moorman, Ben Vautier e  Gino De Dominicis.

 

Giovanni Lauricella

 

"Posta in partenza"

di Gianfranco Baruchello

Galleria Zoo Zone Art Forum

via del Viminale 39

 


Aggiungi commento