Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/06/24 ore

L’amore per la pesca: un insegnamento efficace per rispettare la natura



Il settimo trofeo, la gara prevista dal corso gratuito per ragazzi dai 9 ai 16 anni, promosso dall'associazione “La pesca che amo”, si è svolto lunedì 6 novembre, presso il laghetto “Mezzaluna Carpodromo” di Maccarese. 

 

Giuseppe Vasapolli presidente della associazione, alla fine della intesa giornata ha detto: “Una occasione fantastica, con tante emozioni, bambini entusiasti, e gare emozionanti. Coloro che erano all’esordio, non avendo mai pescato, hanno finito per trascinare nella loro festosa giocosità anche me che organizzo: una coinvolgimento unico,  indescrivibile…”.

 

Ma “La pesca che amo” risponde a motivazioni che riassumono il vero significato del rapporto tra individui e natura. Avvicinare i più piccoli alla pesca contiene un valore educativo di grande significato. 

 

Gli appassionati della natura sono molto intensamente legati alla pesca, agli aspetti contemplativi, alla sua funzione di strumento di benessere psicofisico, che contribuisce alla riduzione degli stress che accompagnano la nostra quotidiana tensione, molto spesso spinta da ragioni non sempre determinanti per il nostro esistere.

 


 

C’è chi si spinge a dire che i veri amanti della natura sono i pescatori, quelli che amano la pesca sostenibile, e non solo come hobby, ma anche come ricerca di serenità, come momento di meditazione… Quando è sostenibile la pesca? Ovviamente quando, nel rispetto delle risorse della natura, deve consentire alla specie ittiche di potersi riprodurre. Ma è ovvio che la pesca sostenibile riguarda in primo luogo l’attività delle strutture medio grandi che riforniscono i mercati di un alimento importante per le popolazioni.

 


 

“… Il messaggio che pescare fa bene, da buona salute, lunga vita e virtù. Ecco una prima motivazione per andare a pesca…” - questo con entusiasmo dice chi ama pescare.

 


 

Il percorso che l’associazione “La pesca che amo” che Giuseppe Vasapolli ha fondato, è legato intensamente alla funzione educativa che la pesca contiene, ma soprattutto alla formazione di un rispetto della natura che si avverte sempre più come determinante. 

 


 

Il corso che l’associazione fa e le gare, in cui l’entusiasmo partecipativo supera di gran lunga la tentazione e necessità della vittoria, trova testimonianza nelle foto che anche nell’occasione dell’appuntamento del 6 novembre al laghetto “Mezzaluna Carpodromo” di Maccarese é visibile.

 


 

“…Quello che ti trasmettono i bambini, il vivere le loro emozioni è qualcosa di  indescrivibile…” - sottolinea Vasapolli.

 


 

“La tecnica che la pesca incarna alla perfezione - è stato scritto - descrive un concetto essenziale e armonioso, tanto da venir considerata quasi un’arte…”.

 


 

L’attrezzatura della pesca a mosca, essenziale, semplice, pulita, è uno degli insegnamenti più coinvolgenti per amare e rispettare la natura.

 


 

 

Ti insegna a osservare il fiume, il laghetto, il mare  ad avvertire suoni e rumori, a essere delicato e discreto…

 


- La pesca che amo: ecologia marina e non solo. Corso di pesca per ragazzi

- ‘La pesca che amo’: inizia il corso di pesca per ragazzi dell’associazione fondata da Giuseppe Vasapolli

- ‘La pesca che amo’: scuola di vita, di responsabilità, di rispetto per l’ambiente

 

 


Aggiungi commento