Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/08/19 ore

POESÌ di Rino Mele. I nodi (da cui Rubina Giorgi non è uscita più)



C’è una figura del luminoso saggio di Lacan, Del barocco, del maggio ’73, che mi è tornata imperiosa alla mente quando stamattina all’improvviso ho saputo - come una deflagrazione - che Rubina Giorgi era morta. Una figura, quella evocata dal saggio che ho citato, di separatezza e dispersione, in cui Lacan parla “dell’inerzia del linguaggio, cioè dell’idea della catena, in altri termini dei pezzetti di spago, pezzetti di spago che formano dei cerchi, i quali, non si sa troppo bene come, si congiungono gli uni con gli altri”. Una vita di ossessiva lucente scrittura quella di Rubina, che ho conosciuto tantissimi anni fa, quando insegnava Filosofia del linguaggio, e diventammo così subitamente amici. Nel 1999, poi, scrissi sedici versi per lei, che pubblicai l’anno dopo nel mio Il sonno e le vigilie, edizioni Sottotraccia, e con essi termino altri sedici versi appena scritti, oggi, ancora per lei, nell’ombra della frammentazione che il linguaggio e la morte, già nelle parole di Lacan, evocano.  

 

 

 

 

 

POESÌ di Rino Mele

 

 

I nodi (da cui Rubina Giorgi non è uscita più)

 

 

Gli uomini impauriti si guardano sorridere, ingannano

la paura,

sanno che è così vicina la fine della specie: cercano

di non parlarne, ridono di niente per farsi riconoscere dall'ombra

 

che è appena passata e 

non tornerà. Stanotte

in un piccola clinica di Roma, poco lontano da via Nomentana,

è morta

una donna gentile, un filosofo, che ha vissuto la sua

ferma tempesta a cercare 

nel linguaggio

le aporie del pensiero, e in quelle parole

il dolore.

Come diventasse aria e pietra, quando beviamo alla fonte,

l'acqua

che non sappiamo fermare.

 

Rossa rosa arresa

dove si posa la tua mano recisa.

C'è, intorno, un'aria ferma,

sospesa, domata

da una cieca attesa, accecata

dalla notte

nella cornice di un tuo specchio

segreto. Le bandiere

che porti tra le vesti, le mani,

le gioiose proteste, le figurine

dei santi che annodi

nei lacci degli stivali, che incolli

sulle mani, sui guanti,

sull'elmo d'oro che porti

sui capelli.

Rossa rosa recisa.

 

 __________________________

 

 

Rino Mele (Premio Viareggio Poesia 2016, terna finale con “Un grano di morfina per Freud, ed. Manni) scrive, il venerdì e il martedì, su “Agenzia Radicale”. Dal 2009 dirige la Fondazione di Poesia e Storia. Il nome della rubrica è “Poesì”, come nel primo canto del “Purgatorio” Dante chiama la poesia.

 

 

 

 

Leggi l'intera sequenza di POESÌ