Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/07/18 ore

CINEMA

‘S.B. Io lo conoscevo bene’, Silvio Berlusconi di nuovo protagonista

Nuovo episodio della serie cinematografica dedicata al Cavaliere, che se non proprio ‘oscuro’, negli ultimi tempi sicuramente vittima della perdita (parziale o totale?) del suo superpotere illuminante. Presentato nella sezione Prospettive Italia (PIT), ‘S.B. Io lo conoscevo bene’, firmato da Giacomo Durzi e Giovanni Fasanella, ripercorre la fantomatica ascesa e l’inevitabile declino di Silvio Berlusconi a un anno dalle sue dimissioni. di Florence Ursino

'E la chiamano estate', un film preoccupante al Festival di Roma

Il terzo e ultimo titolo italiano in Concorso nella prima edizione del Festival del Film di Roma targata Muller, scaraventa Paolo Franchi nel girone dei presuntuosi aspiranti 'autori' cinematografici, mossi da velleità psico-filosofico-artistiche e destinati per contrappasso a perdersi essi stessi nelle proprie ricercate e poco credibili ossessioni. di Florene Ursino

'Il turno di notte lo fanno le stelle', in cima alla montagna con Erri De Luca al Festival del Film di Roma

Cuore di pietra, verrebbe da dire. Muscolo che si contrae al ritmo della terra, quella terra sfacciata che sfida ogni legge e si innalza su, su, a corteggiare il cielo. Il contatto con quanto di più intimo c’è nella cavità toracica di un uomo ha la sua origine lì, nel ‘turno di notte’ della poesia, sulla parete rocciosa di una montagna. Scala una promessa, Erri De Luca, trasferendo su pellicola la purezza estatica dei suoi scritti: il risultato è un piccolo film di 24 minuti firmato da Edoardo Ponti e in concorso nella sezione PIT (Prospettive Italia) del Festival del Film di Roma. di Florence Ursino

 

- 'Marfa Girl', quel leggero passo oltre la soglia

- 'Il volto di un'altra', maledetto botulino

- 'La scoperta dell'alba', un film senza sale

- 'Alì ha gli occhi azzurri', l'eco della Profezia pasoliniana

- 'Main dans le main', la metamofosi del sentimento 
- 'Centro Historico', un coro di voci per il Portogallo

- 'Spose Celesti dei Mari della Pianura', per dormire al Festival

'Marfa Girl', quel leggero passo oltre la soglia al Festival del Film di Roma

Caldo, ventoso, Texas, terra di confine, utero ghiacciato di esistenze immobili, cristallizzate. Larry Clark dona al Roma Film Festival la sua ennesima, irriverente, fotografia, addensando su di sé le nubi furenti di una critica in lutto per la conclamata morte della diegesi cinematografica così palese in quest'ultima opera del regista di 'Kids'. di Florence Ursino


- 'Il volto di un'altra', maledetto botulino

- 'La scoperta dell'alba', un film senza sale

- 'Alì ha gli occhi azzurri', l'eco della Profezia pasoliniana

- 'Main dans le main', la metamofosi del sentimento 
- 'Centro Historico', un coro di voci per il Portogallo

- 'Spose Celesti dei Mari della Pianura', per dormire al Festival

Le nuove forme distributive e la filiera cinematografica italiana

Con il web stanno di fatto venendo meno le tradizionali finestre distributive. Un esempio di questo è senz'altro l'esperimento tentato dalla nuova compagnia ferroviaria NTV. In questi giorni la compagnia ha annunciato che nelle carrozze cinema dei suoi treni Italo saranno disponibili  film  di nuovissima uscita, concessi dal distributore Medusa. Tra questi Venuto al mondo di Sergio Castellitto, nelle sale dal prossimo 8 novembre, per continuare poi con altre prime visioni  come  Il sole dentro di Paolo Bianchini e Una famiglia perfetta di Paolo Genovese.

'Il volto di un'altra', maledetto botulino al Festival del Film di Roma

Il regista napoletano Pappi Corsicato, scheggia 'impazzita' nel panorama cinematografico nostrano contemporaneo, ha così deciso di consacrare la sua ultima fatica alla dea 'Denuncia', sobbarcandosi il peso (e la noia) di una inutile critica a un sistema di spettacolarizzazione del dolore e della pseudo-perfezione estetica. di Florence Ursino

 

- 'La scoperta dell'alba', un film senza sale

- 'Alì ha gli occhi azzurri', l'eco della Profezia pasoliniana

- 'Main dans le main', la metamofosi del sentimento 
- 'Centro Historico', un coro di voci per il Portogallo

- 'Spose Celesti dei Mari della Pianura', per dormire al Festival