Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

13/06/24 ore

Confidenza, di Daniele Luchetti. Un thriller psicologico


  • Giovanna D'Arbitrio

Presentato in anteprima all'IFFR - International Film Festival Rotterdam 2024 nella sezione "Big Screen", tratto dall'omonimo romanzo di Domenico Starnone (Einaudi, 2019), Confidenza, di Daniele Luchetti, è un thriller psicologico che racconta la storia di un segreto.

 

Finalista al premio Viareggio-Rèpaci 2020, sezione Narrativa, il libro viene così presentato: “Pietro vive con Teresa un amore tempestoso. Dopo l'ennesimo litigio, a lei viene un'idea: «Raccontami qualcosa che non hai mai detto a nessuno – gli propone –, raccontami la cosa di cui ti vergogni di più, e io farò altrettanto. Così rimarremo uniti per sempre». Si lasceranno, naturalmente, poco dopo. Ma una relazione finita è spesso la miccia per quella successiva, soprattutto per chi ha bisogno di conferme. 

 

Così quando Pietro incontra Nadia, s'innamora all'istante della sua ritrosia, della sua morbidezza dopo tanti spigoli. Pochi giorni prima delle nozze, però, Teresa magicamente ricompare. E con lei l'ombra di quello che si sono confessati a vicenda, quasi un avvertimento: «Attento a te». Da quel momento in poi la confidenza che si sono scambiati lo seguirà minacciosa: la buona volontà poggia sulla cattiva coscienza, e Pietro non potrà mai più dimenticarlo. 

 

Anche perché Teresa si riaffaccia sempre, puntualmente, davanti a ogni bivio esistenziale. O è lui che continua a cercarla? Lo sguardo degli altri è la nostra ossessione, la nostra gratificazione, la misura della nostra inadeguatezza. Siamo disposti a perderci, curvando la vita intera, pur di somigliare al nostro profilo migliore. È allora che diventiamo pericolosi: quando diamo il meglio, ben sapendo che il peggio si nasconde poco lontano”. 

 

Il film si attiene nel complesso al libro, raccontando la storia di Pietro Vella (Elio Germano), professore di liceo nella periferia romana, amato e stimato dagli alunni. Tra le sue studentesse c’è Teresa (Federica Rosellini), la più brava della classe che dopo la maturità abbandona gli studi per lavorare in un’osteria come cameriera. Pietro allora va da lei e la  convince a riprendere a studiare. 

 

Tra i due nasce una tormentata storia d’amore e in un momento d’intimità  fanno un gioco in cui Pietro le confida un segreto che condizionerà la sua vita, anche quando la storia d’amore finisce. In seguito Pietro incontra Nadia (Vittoria Puccini), una donna molto diversa da Teresa, e decide di sposarla, ma a pochi giorni dalle nozze Teresa si ripresenta minacciando di rivelare il suo segreto: da quel momento Pietro si sentirà perseguitato e continuamente minacciato dal ricatto.

 

Come nel libro anche il film è centrato sulla storia di un uomo la cui identità appare alquanto fragile, condizionata dalla paura di perdere reputazione, status sociale e fiducia della famiglia, un thriller psicologico ben costruito che si fa riflettere su quanto sia difficile essere se stessi.

 

Se un personaggio riflette le parti peggiori di te stesso, o quelle che potrebbero essere le peggiori ipotesi su te stesso, ti aiuta a crescere - ha affermato il regista - Mi sono chiesto: c’è qualcosa di me che somiglia a Vella? La risposta è stata: qualcosa sì. Allora, come posso evitare di agire come questa specie di omino che ha paura di essere mediocre? Questa stessa operazione dovrebbe farla lo spettatore. A volte si raccontano personaggi negativi per il piacere di sentirsi migliori di loro, o anche per il piacere di sentirsi come loro e di conseguenza migliorarsi”.

 

Il cast include bravi interpreti, come : Elio Germano, Federica Rosellini, Vittoria Puccini, Pilar Fogliati, Isabella Ferrari, Elena Arvigo, Giordano De Plano, Luca Gallone, Bruno Orlando. 

 

La sceneggiatura è di Daniele Luchetti, Francesco Piccolo, la fotografia è di Ivan Casalgrandi, il montaggio è di Aël Dallier Vega, le musiche sono di Thom Yorke.

 

Tra i film del regista ricordiamo: Domani accadrà (1988), La settimana della Sfinge (1990), Il portaborse (1991), Arriva la bufera (1993), La scuola (1995), I piccoli maestri (1998), Dillo con parole mie (2003), Mio fratello è figlio unico (2007), La nostra vita (2010), Anni felici (2013),Chiamatemi Francesco (2015), Io sono Tempesta (2018), Momenti di trascurabile felicità (2019), Lacci (2020)

 

Ecco il trailer (Vision Distribution).

 

 


Aggiungi commento