Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/05/24 ore

Il Teorema di Margherita, di Anna Novion. Tra matematica e maschilismo


  • Giovanna D'Arbitrio

Presentato al Festival di Cannes 2023,  Il Teorema di Margherita, di Anna Novion ha ottenuto 2 candidature e vinto 1 premio ai Cesar e 1 ai Lumiere Awards.

 

Il film racconta la storia di Marguerite (Ella Rumpf), brillante studentessa di matematica nella prestigiosa università francese: l'École Normale Supérieure di Parigi. Ragazza geniale, con il sostegno del severo professor Werner (Jean-Pierre Darroussin) si è dedicata in modo ossessivo allo studio dell’irrisolvibile teorema di Goldbach sul quale si basa la tesi di laurea che dovrà esporre a un gruppo di ricercatori. 

 

Purtroppo un altro studente, Lucas (Julien Frison) fa notare un errore che rimette in discussione la tesi e Marguerite reagisce mollando tutto per intraprendere un nuovo percorso altrove. 

 

Di nascosto dalla madre (Clotilde Courau), va a vivere con Noa (Conia Bonny), una vivace  ballerina; grazie alla sua mente matematica, scopre inoltre che può guadagnare molti soldi giocando a Mahjong nelle bische clandestine di Parigi. Insomma inizia per lei una nuova vita in cui scoprirà anche l'amore.

 

"Personaggi come quelli impersonati da Jean-Pierre Darroussin e Ella Rumpf sono ricorrenti nei miei film - ha affermato la regista - Sono individui che si aggrappano alle loro certezze e che hanno paura di aprirsi agli altri. Poi succede qualcosa che li costringe a cambiare il corso delle cose, a lasciarsi andare e a trasformare la vulnerabilità in forza (…). I film su personalità geniali della scienza non si contano: Oppenheimer è solo l’ultimo della lista, ma prima – e volendosi limitare solo ai matematici – ci sono stati A Beautiful Mind con Russell Crowe e The Imitation Game con Benedict Cumberbatch nei panni di Alan Turing, ma le donne sono rare: c’è stata Ipazia in Agora di Alejandro Amenabar, ma non era difficile ignorarla(…)

 

Margherita è una donna che occupa un ruolo e un posto tradizionalmente considerato maschile. L’ispirazione viene da una vicenda personale in cui la matematica c’entrava poco. A vent’anni mi sono ammalata e sono stata in isolamento a lungo. Quando ne sono uscita ho cominciato a riflettere sul destino dei giovani costretti a stare in mondi chiusi, ragazzi che studiano troppo, in scuole troppo richiedenti, che si privano delle relazioni. Ma anche il posto delle donne nei milieu maschili è qualcosa che mi ha sempre incuriosito. E mi sembrava interessante parlare del mondo della matematica che manca crudelmente di donne”.

 

Un film coinvolgente che si avvale di un buon cast includente Ella Rumpf, Jean-Pierre Darroussin, Clotilde Courau, Julien Frison, Sonia Bonny, Xiaoxing Cheng, Idir Azougli, Camille de Sablet, Karl Ruben Noel.

 

La sceneggiatura è di Anna Novion, Agnès Feuvre, Marie-Stéphane Imbert, Mathieu Robin, la fotografia è di Jacques Girault, il montaggio di Anne Souriau.

 

Ecco il trailer del film (da Coming Soon)

 

 


Aggiungi commento