Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/24 ore

Il corsetto dell'Imperatrice, di Marie Kreutzer. Un ritratto inedito dell’imperatrice Sissi


  • Giovanna D'Arbitrio

Vincitore del Premio Un Certain Regard per la miglior interpretazione a Vicky Krieps, nonché di 3 candidature agli European Film Awards e 1 candidatura a Spirit Awards, Il corsetto dell'Imperatrice, di Marie Kreutzer, è centrato sulla figura dell'imperatrice Elisabetta d'Austria, ovvero la Principessa Sissi, nota per la sua bellezza.

 

Siamo a Vienna nel 1877: è il 24 dicembre e l'Imperatrice (Vicky Krieps) sta per compiere 40 anni, un'età che per una donna dell'epoca segnava l'inizio della decadenza fisica. Elisabetta è insoddisfatta e infelice, soffocata dalla gabbia dorata della vita di corte, mentre suo marito, l'imperatore Francesco Giuseppe, corteggia donne giovani che potrebbero essere sue figlie. 

 

La sua importanza politica come imperatrice in effetti si riduce a un semplice ruolo di facciata e pertanto Sissi inizia a viaggiare e far visita ad ex amanti e a vecchi amici. Ben percepisce tutta l'ingiustizia che la società del suo tempo riserva alla condizione femminile e si ribella come può infrangendo le regole di corte, simulando svenimenti durante le parate ufficiali e quant’altro. 

 

Ossessionata dalla paura di invecchiare e di perdere la sua bellezza, dedica crescenti cure al suo aspetto fisico e decide di portare ancor più stretto il corsetto per apparire sempre affascinante ed essere ammirata da tutti. 

 

Senz’altro il film ci mostra un’immagine inedita di Sissi, diversa da quella piuttosto romanzata e romantica della serie di film interpretati da Romy Schneider ed è senza dubbio una metafora efficace quella del corsetto che la società imponeva alle donne costringendole non solo a dimezzare il giro vita, ma il respiro stesso che è vita.

 

"Pensavo che potesse essere una bella storia sulle donne di quell'epoca, ma ancora oggi, cresciute, 'addestrate' a compiacere per essere amate - ha affermato la regista - ...Mentre il ruolo di Elisabetta è stato ridotto contro i suoi desideri a puramente performativo, la sua fame di conoscenza e gioia di vivere la rende sempre più irrequieta a Vienna. Si reca in Inghilterra e in Baviera, visitando ex amanti e vecchi amici, cercando l’eccitazione della sua giovinezza. Con un futuro di doveri strettamente cerimoniali, Elisabetta si ribella all’immagine iperbolica di se stessa e propone un piano per proteggere la sua eredità".

 

Oltre agli interpreti già citati il cast include Vicky Krieps, Colin Morgan, Finnegan Oldfield, Tamás Lengyel, Aaron Friesz, Jeanne Werner, Alma Hasun, Florian Teichtmeister, Raphael von Bargen, Alexander Pschill, Ivana Urban, Manuel Rubey, Norman Hacker, Katharina Lorenz, Regina Fritsch, Eva Spreitzhofer.

 

Notevoli sceneggiatura di Marie Kreutzer, fotografia di Judith Kaufmann, montaggio di Ulrike Kofler, musiche di Camille, scenografia di Martin Reiter, Costumi di Monika Buttinger.

 

Ecco il trailer del film (da Coming Soon).

 

 


Aggiungi commento