Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/10/19 ore

Pena di morte: Missione dei Radicali in Sierra Leone



 

La delegazione radicale è composta dal Segretario di Nessuno tocchi Caino, Sergio D’Elia, e dai parlamentari Radicali Marco Perduca ed Elisabetta Zamparutti e si svolge grazie a un contributo del Ministero degli Affari Esteri italiano. Il 27 aprile 2011, in occasione del 50° anniversario dell’indipendenza dalla Gran Bretagna, il Presidente della Sierra Leone, Ernest Koroma, ha commutato tutte le condanne a morte in ergastolo.

 

Nel settembre 2011, nell’ambito dell’Esame Periodico Universale (UPR) da parte del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, la delegazione della Sierra Leone ha annunciato di accettare “in linea di principio e soggette al processo di revisione costituzionale” quindici raccomandazioni nel senso dell’abolizione della pena di morte.

 

Per queste ragioni il Presidente Koroma è stato insignito del Premio di Nessuno tocchi Caino “L’Abolizionista dell’Anno 2012”, che gli verrà consegnato in una cerimonia solenne che si svolgerà a Freetown il 10 ottobre, nella Giornata Mondiale Contro la Pena di Morte. Il 21 dicembre 2010, per la terza volta consecutiva, la Sierra Leone si è astenuta sulla Risoluzione per una moratoria delle esecuzioni capitali all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

 

A tal proposito, tra gli obiettivi della missione di Nessuno tocchi Caino, oltre alla richiesta di accelerare il processo interno verso l’abolizione, vi è quello di ottenere il voto favorevole della Sierra Leone alla Risoluzione pro-moratoria in discussione alla sessione in corso all’Assemblea Generale dell’ONU. Le ultime esecuzioni in Sierra Leone risalgono all’ottobre 1998, quando sono stati fucilati in pubblico 24 dei 34 condannati a morte per tradimento dalla corte marziale di Freetown.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna