Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

13/12/19 ore

L'omofobia e i lacci colorati di Dessena


  • Alessandro Frezzato

Discriminazione, omofobia, insulti pesanti e minacce. Il tutto è accaduto a Daniela Dessena, giocatore del Cagliari, “colpevole di aver indossato i lacci color arcobaleno per sostenere una campagna anti-omofobia", organizzata da Pabby Power e dalle Associazioni Nazionali Arcigay e Arcilesbica, con la collaborazione della Fondazione Cannavò. 

 

È alquanto assurdo che nel 2014 in Italia si venga insultati e minacciati sul Web per via del colore dei lacci delle scarpe, perché ricordano i colori utilizzati a livello internazionale come simbolo del movimento LGBT.

 

Dessena, infatti, ha indossato delle speciali stringhe color arcobaleno, gesto molto apprezzato dalle federazioni ma non da certi tifosi internauti che si sono scatenati con insulti del tipo: “Pensa a giocare e fatti i ….tuoi”, ai quali il giocatore ha risposto, sempre via web, con un invito a pensare al proprio lavoro, al proprio mondo e ad avere rispetto delle scelte di vita delle altre persone.

 

L'associazione culturale Arc di Cagliari ha espresso la sua solidarietà al giocatore e si è infine augurata che l'intera squadra del Cagliari, anche in difesa del compagno, aderisca all’iniziativa. Dessena, soffermandosi sull’importanza della campagna ha dichiarato: “Per me oggi è un giorno importante perché ho potuto dare un contributo reale a una causa importante e in cui, credo. Io ho un bambino, non sono sposato, ho una compagna e ogni settimana faccio avanti e indietro tra Cagliari e Parma per vederli. Non mi è mai capitato nella mia carriera - continua il giocatore rossoblu - di incontrare giocatori omosessuali, anche se credo che possano essercene".

 

"Il fatto che un calciatore . conclude Dessena - come qualsiasi altra persona, possa manifestare pubblicamente un orientamento sessuale differente dal mio non rappresenta alcun problema ne’ fastidio. Dovremmo cominciare a cambiare radicalmente la nostra mentalità, realmente, non solo a parole…”.

 

L’adesione di Daniele Dessena a questa importante iniziativa fa onore al calcio, mentre fa sgomento la reazione ignobile dei tifosi.

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna