Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

15/04/21 ore

Una cura compassionevole fa molta strada quando si è assistiti per il cancro


  • Anna Mahjar-Barducci

Anna Mahjar-Barducci collabora da anni con Agenzia Radicale e Quaderni Radicali. Quello che segue è un suo articolo in cui racconta per CUREtoday la sua esperienza di donna colpita da cancro al seno.

 

 

******************** 

 

 

Una paziente malata di cancro ricorda come l'amore che il suo team di assistenza le ha mostrato durante il trattamento ha fatto la differenza nel suo viaggio verso il recupero. La sua speranza: che più pazienti con cancro in tutto il mondo possano trovare medici che li trattino come una persona e non solo come un caso. (CURE to day)

 

Il 2 gennaio 2020, mi è stato detto che avevo una massa sospetta nel seno. Ho capito subito che avevo il cancro al seno. Ho 38 anni e sono madre di una bambina di 10 anni. Fino ad allora ero sempre stato in buona salute e il cancro era qualcosa di cui avevo sentito parlare solo in TV. Il mio intero mondo è crollato. Non sapevo cosa fare, dove cercare una cura e se fosse disponibile una cura. Il dottore, vedendo il mio stato smarrito e sgomento, disse: "La cosa peggiore è lasciare una paziente sola…”. Ha quindi preso il telefono e ha chiamato il primario dell'Unità per il cancro al seno dell'Ospedale Santa Chiara di Pisa, Italia.

 

In soli cinque giorni ero all'Ospedale Santa Chiara. Ero spaventata e ancora persa, ma un'infermiera sorridente mi ha accompagnato per fare la biopsia. Ha tenuto le mie mani saldamente nelle sue, mentre l'ago faceva male mentre penetrava in profondità nel mio seno. Pochi giorni dopo, in attesa dei risultati della biopsia, l'ospedale mi ha chiamato a casa per invitarmi a incontrare il chirurgo. 

 

Quando sono arrivata per l'appuntamento, il chirurgo conosceva tutta la mia cartella e, ancora aggrappata alla speranza, gli ho chiesto se c'era qualche possibilità che la biopsia risultasse ancora negativa. Mi ha guardato e mi ha detto che, indipendentemente dal risultato della biopsia, non mi avrebbe mai lasciato con una tale massa nel seno. Quelle poche parole chiare in qualche modo mi confortarono e mi diedero la sensazione che davanti a me ci fosse qualcuno che si prendeva cura di me.

 

Diversi giorni dopo, il 16 gennaio, mi è stato diagnosticato un carcinoma invasivo. Non sapevo cosa significasse invasivo. Il chirurgo mi ha dato la notizia, nel suo studio, e poi mi ha tenuto la mano. Non ho potuto elaborare ciò che avevo sentito. Sono tornata a casa e il giorno dopo sono tornata in ospedale, per avere maggiori informazioni. Stavo per morire? Ricordo di essermi avvicinata all'infermiera, con la richiesta di consultare il medico.

 

Ero confusa e non mi sentivo bene. Pochi minuti dopo, il chirurgo lasciò il reparto operatorio e si precipitò a parlare con me. Quando mi ha visto, mi ha preso per mano e mi ha accompagnato dallo psico-oncologo, che da allora mi ha accompagnata lungo tutto il percorso che mi ha portato ad intervento chirurgico, chemio, radioterapia ed eventualmente al recupero.   

 

Da quel momento in poi, quell'edificio del cancro fu la mia casa. Nel mese di preparazione all'intervento, ho dovuto visitare abbastanza spesso l'ospedale e lentamente non sono più stata confusa e persa. Il chirurgo, lo psicologo e tutti gli altri medici dell'unità hanno lavorato come una squadra per creare una rete di sicurezza intorno a me. Erano lì per me.

 

Infermieri che non avevo mai incontrato prima conoscevano il mio nome e stavano organizzando tutti gli appuntamenti per me. 

 

Mi chiamavano a casa: "Ciao Anna, come stai? Puoi venire per l'esame del sangue alle 10? Grazie, mia cara”. I volontari dell'associazione per il cancro al seno dell'ospedale mi chiedevano come mi sentivo e, tra un test e l'altro, ho fatto amicizia nel corridoio dell'ospedale. L'ospedale poi è diventato e assomigliava a qualsiasi altro posto; un luogo dove potevo socializzare, a volte piangere, ma anche ridere, creare ricordi e stabilire amicizie vere e durature.

 

 

 

Il 20 febbraio ho subito  l’intervento chirurgico. Ero spaventata e nervosa, ma lo psicologo è venuto a trovarmi nella mia stanza d'ospedale, così come il capo reparto. Anche diverse infermiere sono venute a trovarmi e una mi ha persino portato un barattolo di marmellata di fichi fatta in casa. Poi sono stata portata in sala operatoria. Ricordo di aver riso, sentito un'infermiera fare una battuta, prima di addormentarmi. Cinque ore dopo, mi sono svegliata, avevo freddo. Il tumore era stato rimosso. Sono rinata.

 

Ricevere una diagnosi di cancro al seno è davvero devastante. Una donna si sente persa e in tumulto emotivo, chiedendosi come potrà mai affrontare la malattia, la genitorialità, le sue relazioni e il suo lavoro. L'angoscia continua anche dopo che è passato lo shock iniziale della diagnosi. Quando una donna intraprende quello che è spesso un lungo processo di trattamento, a volte accompagnato da cambiamenti fisici, può trovarsi di fronte a nuovi problemi.

 

l Reparto Tumori al seno dell'Ospedale Santa Chiara di Pisa prevede un percorso multidisciplinare integrato e un ambiente dove la paziente non si sente sola, viene risparmiata l'angoscia di scorrazzare tra luoghi diversi per ottenere visite mediche, ma è invece accompagnata da un team di esperti che diventa una seconda famiglia.

 

All'Unità per il cancro al seno di Pisa, non ho trovato conforto solo per me stessa, ma anche per la mia famiglia, che ha ricevuto anche il supporto emotivo di cui aveva bisogno per prendersi cura di me durante le terapie.

 

Oggi, a un anno dalla diagnosi e dopo l'intervento chirurgico, la chemioterapia e la radioterapia, ho ancora cinque anni di anticipo per terminare la terapia ormonale. I dottori sono diventati parte della mia famiglia. Mi inviano messaggi durante le vacanze e ci scambiamo opinioni su diversi argomenti.

 

Guardando indietro, posso dire che la mia guarigione è stata facilitata non solo dalle cure mediche, ma anche dalle cure e dall'amore che ho ricevuto dai medici dell'Unità di Cancro al seno di Pisa, la cui filosofia principale si basa sulla profonda comprensione che il paziente è una persona e un individuo, non un "caso" da risolvere solo dal punto di vista medico.

 

Un medico a Pisa una volta mi disse che il miglior complimento che un medico possa ricevere è quello di essere chiamato umanista. Sento che nel periodo più stressante della mia vita, ho davvero trovato medici umanisti che non hanno curato solo la malattia, ma mi hanno visto e hanno fornito il supporto emotivo di cui avevo bisogno, non facendomi mai sentire sola.

 

Spero che le mie sorelle in tutto il mondo, a cui è stato diagnosticato un cancro al seno, possano un giorno sperimentare lo stesso trattamento. (traduzione Agenzia Radicle)

 

 

(da CUREtoday - 10 febbraio 2021)

 

 


Aggiungi commento