Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/11/19 ore

La storia di Aylan: Come la disperazione ha lasciato un bambino di tre anni deposto dalla marea su una spiaggia turca (Washington Post)



di Justin Wm Moyer

(da Washington Post / 3 settembre 2015)

 

La prima foto scioccante mostra un bambino piccolo. Addosso ha una maglietta rossa e pantaloncini sotto al ginocchio. La maglietta è tirata su e scopre l’ombelico. Ha delle scarpette nere senza calzini. Ed è morto, a faccia in giù sul bagnasciuga.

 

Nella seconda foto il bambino è preso da un poliziotto. Il poliziotto indossa guanti in lattice. I piedini del bambino penzolano poco sotto la vita del poliziotto: si vede che una delle chiusure in velcro delle sue scarpe si è aperta. E anche se non possiamo sapere cosa sta pensando mentre porta via quel corpo al mare una cosa ci appare chiara: Sta guardando altrove.

 

Il corpo del bambino curdo trovato sulla spiaggia è stato identificato dalla polizia turca nei comunicati stampa come Aylan Kurdi, 3 anni. Era in una di due barche, riporta l’agenzia stampa Reuters, che portavano in totale 23 persone e che sono partite separatamente dall’area di Akyarlar, nella penisola turca di Bodrum, apparentemente dirette all’isola greca di Kos, dove sarebbero dovute entrare nell’Unione Europea. Pare che la loro destinazione ultima fosse il Canada.

 

Invece, riportano le fonti ufficiali, la barca si è rovesciata e Aylan è finito in acqua poche miglia a nord-est delle coste turche, non lontano da un complesso turistico. La lista dei morti include cinque bambini - tra di loro il fratello di 5 anni di Aylan - e una donna. Secondo quanto riporta “l’Indipendent”, la donna era la madre del bambino, Rihan, di 35 anni. Sette persone sono state salvate e due hanno raggiunto la spiaggia con i giubbetti salvagente. Secondo il quotidiano Ottawa Citizen, il padre del bambino, Abdullah, è sopravvissuto.

 

La famiglia stava cercando di arrivare in Canada. A giugno la famiglia di Aylan cercava “disperatamente” di ottenere il permesso di emigrare in Canada - dove la sorella di Abdullah, Teema Kurdi, vive a Vancouver - ma la loro richiesta di asilo era stata respinta dalle autorità canadesi.

 

“Ho avuto notizie alle cinque stamattina,” ha detto al “Citizen” mercoledì Teema Kurdi che ha avuto una chiamata dal fratello Abdullah, “tutto quello che mi ha detto è: Mia moglie e due bambini sono morti”.

 

“La famiglia aveva due ostacoli da superare,” riporta il “Citizen”, “come migliaia di altri curdi siriani rifugiati in Turchia, le Nazioni Unite non li riconoscono come rifugiati e il governo turco non concede loro i visti di uscita”.

“Stavo cercando di garantire per loro,” ha detto al giornale Teema Kurdi, “I miei amici ed i miei vicini mi hanno aiutato con con i depositi bancari, ma non siamo riusciti a farli uscire, per questo hanno preso la barca. e ne hanno anche pagato il fitto in Turchia, ma è orribile il modo in cui sono trattati lì i siriani”.

 

Un membro del parlamento canadese, Finn Donnelly, ha detto alla “CBC News” che stava provando ad aiutare Kurdi. “Lei era molto preoccupata per quello che stava succedendo in Siria e voleva far espatriare la sua famiglia,” sono state le sue parole. Lui e Kurdi hanno scritto una lettera al ministro per l’immigrazione del paese ma non ci sono state successive evoluzioni nella richiesta.

 

La famiglia era tra i milioni di morti o in fuga dalla continua campagna di distruzione dello Stato Islamico in Syria ed in Iraq. Ma, almeno fino alla prossima immagine orribile, Aylan è il simbolo più potente del conflitto che ha travolto la regione.

 

La famiglia di Aylan veniva da Kobane, Siria, una città spesso al centro degli scontri tra le forze Occidentali e lo Stato Islamico. Anche se Kobane è stata occupata dal gruppo estremista lo scorso anno, lo Stato Islamico è stato costretto a ritirarsi a febbraio. Da allora gli scontri sono continuati - incluso un attacco in giugno in cui 145 civili hanno perso la vita.

 

L’attacco del Daesh è stato una missione suicida,“ ha dichiarato Redur Xelil, un portavoce della milizia curda YPG - usando un’altro nome per lo Stato Islamico - dopo l’assalto di giugno. “Lo scopo non era di prendere la città, ma di creare terrore”.

 

Come è chiaro Kobane non è un luogo adatto ai bambini.

 

I rifugiati come Aylan fanno un viaggio di 800 miglia da Kobane attraverso la Turchia, cercando di raggiungere la costa di quella nazione che si affaccia sull’Egeo. Bodrum, vicino a dove è stato trovato Aylan, è descritta su “Lonely Planet” come “Il Luogo di vacanza al mare più glamour della Turchia.” Ma la famiglia del bambino non era lì per la vista o per nuotare.

 

Kos è un altro gioiello dell’Egeo - spiagge idilliache, villaggi di montagna, antiche rovine. Ma ultimamente, Kos è meno conosciuta per la sua bellezza che per la sua crisi dei rifugiati in continua evoluzione. Seicento migranti arrivano ogni notte sull’isola di circa 30.000 abitanti. Da gennaio, l'incredibile cifra di 125.000 rifugiati hanno trovato modo di raggiungere Kos e altre isole greche, portando la crisi umanitaria che ha provocato il malcontento nelle comunità costiere.

 

“Noi non riasciamo a dormire la notte,” ha dichiarato a “Der Spiegel” un Iracheno a Kos il mese scorso. “ Eravamo costantemente terrorizzati dalla milizia. Uccidono le persone e le gettano nei mucchi di immondizia. Vogliamo una vita migliore.” un altra frase già sentita: “Vogliamo i documenti! Vogliamo mangiare!”.

 

Cosa i rifugiati trovano spesso difficile da comunicare è che, così come gli abitanti di Kos non sono molto felici dei loro “visitatori a sorpresa”, così questi visitatori non vedono l’ora di andar via.

“Vogliamo solo lasciare quest’isola e loro non lo capiscono,” dichiara il mese scorso alla “Associated Press” Laith Saleh, un imbianchino di 30 anni, di Aleppo che ha passato tre anni a combattere le forze governative siriane e lo Stato Islamico. “Non possiamo prendere la barca per Atene se non abbiamo i documenti”.

 

La famiglia di Aylan probabilmente voleva far parte delle 600 persone che vengono a Kos quotidianamente in cerca di cibo e registrazione. Per quanto desolante possa suonare, era certamente meglio di quello che hanno lasciato in Siria. E certamente era meglio di ciò che hanno ottenuto.

Nel punto più vicino, Kos dista circa 2,5 miglia attraverso l'Egeo dalla Turchia. Il viaggio di Aylan attraverso questo insidioso tratto di mare sarebbe stato in un gommone o in una piccola barca. Molte di queste imbarcazioni di fortuna sono gestite da contrabbandieri - il prezzo per il viaggio è di più di 800 dollari a persona per la traversata col favore della notte.

 

Il risultato: Un bambino di 3 anni morto su una spiaggia in Turchia. é fuggito dalla sua casa, dove non era voluto, ha cercato rifugio su un'isola che non lo voleva, ed è morto sulle rive di una terra che forse lo voleva meno di tutti.

 

Risulta chiaro che il caso di Aylan è solo una goccia nel mare, come i rifugiati dello Stato islamico e di altre parti turbolente del mondo che assediano treni Eurostar, affollano il porto francese di Calais, e muoiono sulle coste della Libia o in camion, in Austria.

 

"Questa tragica immagine di un bambino che ha perso la vita fuggendo dalla Siria è scioccante ed è un ricordo dei pericoli che corrono i bambini e le famiglie in cerca di una vita migliore," Justin Forsyth l'amministratore delegato di “Save the Children”, ha detto al “Guardian”. “La situazione di questo bambino dovrebbe costringere l'Unione europea a riunirsi e concordare un piano per affrontare la crisi dei rifugiati."

 

traduzione di Roberto Granese (da Washington Post / 3 settembre 2015)

 

- Testo in inglese dal Washington Post

 

 


Commenti   

 
0 #1 Kory 2017-12-23 23:47
I have checked your site and i've found some duplicate content,
that's why you don't rank high in google, but there is a tool that can help you to create 100% unique content, search for;
Boorfe's tips unlimited content

Feel free to visit my web blog ... MadelineSmall: https://Cleveland33.wix.com
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna