Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

07/12/19 ore

Un domani al Partito democratico



Avrà un futuro il Pd? Arduo rispondere. Tali e tante sono le ambiguità e le contraddizioni di quel partito che l’imminente congresso rischia di non offrire affatto soluzioni e risposte. Ciò, è ovvio, si intreccia con la crisi più generale del sistema politico italiano e con i dilemmi di uno Stato social-assistenziale che non regge dinanzi ai sommovimenti globali senza precedenti dell’economia e della finanza.

 

Da qui la centralità che dovrebbe avere la questione liberale, intesa anzitutto come seria ricerca volta a superare i pesanti tratti corporativi e conservatori dell’Italia.

 

A tal fine sembrava concepito il Partito democratico, che invece appare stretto fra la vecchia logica della cooptazione e un inseguimento del “nuovo” privo di bussole.

 

Una forza, il Pd, che rischia di ripiegarsi sull’esistente, senza un passato e senza un vero orizzonte.

 

Su questo tema è incentrato il Primo piano del numero 109 di Quaderni Radicali in uscita la prossima settimana.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna