Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/09/19 ore

Maladetta Politica. Crisi di governo, i danni di un esecutivo di presunta svolta



Dunque si lavora in queste ore a un governo che eviti le urne a ottobre e scongiuri quindi il cosiddetto trionfo sovranista di Matteo Salvini.

 

Zingaretti lo ha chiamato “governo di svolta” in chiara discontinuità con il recente passato giallo-verde.

 

Cinque sono i punti fissati dal segretario PD, da condividere con il M5S: più che altro un generico e indefinito elenco delle buone intenzioni, che persino il leader della Lega potrebbe approvare senza imbarazzi.

 

Al di là delle formule, resta difficile non vedere all'orizzonte semplicemente un governo del non-voto, utile solo a chi oggi teme di perdere la famigirata e odiata "poltrona".

 

Ne discute Geppi Rippa, sollecitato da Antonio Marulo in questo nuovo appuntamento con "Maledetta Politica". 

 


 

Maladetta Politica. Crisi di governo, i danni di un esecutivo di presunta svolta

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna