Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/10/17 ore

Francia, per il velo perse il lavoro secondo i principi di laicità dello Stato



La questione è di quelle annose quando si parla di laicità dello stato e di libertà di manifestare in luogo pubblico la propria fede religiosa. A maggiore ragione è annosa quando si tratta della Francia, dove il principio di laicità dello Stato è molto sentito. Figuriamoci poi di questi tempi.

 

I fatti risalgono però al 2000, quindi prima anche dell’11 settembre, quando – riporta l’Ansa - a un’impiegata della pubblica amministrazione, Christiane Ebrahimian, non fu rinnovato il contratto come assistente sociale in un ospedale, a causa del suo rifiuto di togliersi il velo durante le ore di lavoro, circostanza che provocò il ricorso contro di lei di alcuni malati.

 

La vicenda è diventata poi un caso di diritti umani violati, per il quale è stata investita la Corte europea di Strasburgo appositamente istituita. I tempi biblici per il pronunciamento hanno trascinato il conflitto in sede di giustizia europea fino ad oggi.

 

Alla fine, la sentenza ha dato ragione alla Francia: non è stato violato il diritto al rispetto della libertà di religione, perché – motiva la Corte - "l'obbligo di neutralità imposto agli impiegati pubblici può essere considerato come giustificato nel suo principio" e che le restrizioni imposte trovano il loro fondamento nel principio di laicità dello Stato francese.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna