Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/10/19 ore

Sudan, Meriam è libera



Meriam è salva. Il tribunale sudanese ha ordinato la liberazione della ventisettenne cristiana condannata a morte per apostasia dopo essersi rifiutata di convertirsi all’Islam. La donna, figlia di un musulmano che l’aveva abbandonata all’età di sei anni, aveva sposato un americano cristiano e aveva deciso di abbracciare la fede del marito, che era anche quella della madre.

 

Un’unione, quella della coppia, non riconosciuta dalle leggi islamiche secondo cui Meriam era a tutti gli effetti un’adultera. Al momento dell’arresto, avvenuto a febbraio, la donna aveva già un figlio di 22 mesi e ne aspettava un’altra, data alla luce in prigione il 27 maggio scorso. A causa del parto, i giudici avevano deciso di sospendere l’esecuzione della pena (impiccagione) per due anni dalla nascita della bambina.

 

Oggi, invece, la libertà. Qualche giorno fa, infatti, la Commissione nazionale per i Diritti umani sudanese ha stabilito che la condanna a morte per apostasia di Meriam era in netto contrasto con la Costituzione del Sudan, che prevede la libertà di culto per tutti i cittadini.


Commenti   

 
0 #1 Federico 2014-06-26 18:04
Una bellissima notizia di cui non ci si può che rallegrare moltissimo!!Il Signore benedica Meriam!
Federico Milani (Milani - ministries)
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna