Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/12/17 ore

Cannabis legale, la Carmagnola bella



C'è un' "erba ricca di cannabinoidi, sostanze psicoattive sempre più usate per le loro qualità terapeutiche", che "rilassa, sballa ma non troppo. Ed è pure legale". Ne scrive 'La Stampa', in un articolo che proponiamo in Rassegna.

 


 

Il paradiso della Cannabis legale: corsa all'erba di Carmagnola

di Nadia Ferrigo

(da lastampa.it)

 

La canapa più famosa del mondo nasce a Carmagnola, poco meno di trenta chilometri da Torino: è la «mamma» della stragrande maggioranza delle varietà europee e tra le più ricche di cannabinoidi. Nella cittadina piemontese c’è anche la sede di AssoCanapa, coordinamento nazionale per la canapicoltura nato vent’anni fa grazie alla testardaggine di Felice Giraudo, 83 anni tra qualche giorno, un passato come amministratore della Democrazia Cristiana, pioniere del recupero di una coltivazione dalla tradizione secolare che però ha rischiato di andare perduta per sempre. Nell’ufficio zeppo di semi e piantine, pannelli isolanti e olio, corde e farine, il telefono non smette di squillare.

 

Da qualche giorno arrivano da tutta Italia e dall’estero decine di richieste: crescono sempre più sia gli ordini di semi e di infiorescenze della varietà Carmagnola e Carmagnola Selezionata, sia le domande di aspiranti agricoltori, desiderosi di cimentarsi nella coltivazione di una delle piante più antiche e bistrattate.

 

A far scoprire agli amanti del genere - e a decretare il boom - dei pacchetti di fiori di canapa made in Carmagnola è stata, suo malgrado, la EasyJoint, neonata società bolognese che ha collezionato in pochi giorni centinaia di ordini pubblicizzando la varietà Eletta Campana come la prima «marijuana legale»: erba, ma con un contenuto di tetraidrocannabinolo al di sotto dei limiti di legge. Tanto è bastato per esaurire le scorte, con le spedizioni online e ai negozi specializzati sospese in attesa dei nuovi rifornimenti. La EasyJoint promette un’erba che rilassa, sballa ma non troppo. Ed è pure legale...

 

- prosegui la lettura su lastampa.it

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna