Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/02/20 ore

Gaza, la città sotteranea di Hamas



di Giulio Meotti 

(da Il Foglio)

 

“Sotto Gaza c’è un’altra città”, ha commentato un ufficiale dell’esercito israeliano. Durante la guerra di Gaza, Hamas ha inferto due colpi a Israele: i missili sull’aeroporto di Tel Aviv e la rete di tunnel. Come è possibile che Hamas, un movimento sorto nel 1987, sia diventato una tale macchina da guerra e un nemico così sofisticato?

 

Il padre dei tunnel di Hamas è Imad Mughniyeh, il capo militare di Hezbollah, ne ha diretto la guerra contro Israele del 2006 e serviva da collegamento con Teheran. Prima che Israele lo eliminasse a Damasco. Mughniyeh mandò istruttori a Gaza e portò membri di Hamas in Iran. La tecnologia, l’equipaggiamento e i fondi della rete dei tunnel di Hamas è quasi tutta iraniana.

 

Israele scoprì i tunnel di Hezbollah nel 2006, domandandosi perché i raid della sua aviazione non infliggevano abbastanza perdite. E allora Israele scoprì che villaggi interi, le abitazioni, gli ospedali, le scuole venivano usate dai terroristi libanesi come fossero cartoni da sovrapporre ai tunnel.

 

Oggi, allo stesso modo, l’intelligence israeliana teme che Hezbollah pianifichi “l’invasione della Galilea” attraverso una rete di tunnel dal Libano simile a quella di Hamas a Gaza. L’unica differenza con Gaza è che il territorio della Galilea è più difficile da lavorare. Il movimento islamista palestinese ha 15 mila operativi. Molti sono caduti nei bombardamenti israeliani a Beit Hanoun, Shejaiya e Khan Yunis. Israele non ha dovuto affrontare, almeno finora, combattimenti faccia a faccia con i terroristi. Hamas, infatti, ha emulato Hezbollah usando missili anti tank ed esplosivi improvvisati (Ieds).

 

L’altra arma di Hamas sono le bombe dentro le case. Come ha spiegato il generale Micky Edelstein, capo della divisione meridionale di Tsahal, “in una strada di Khan Yunis ho trovato 19 case con trappole esplosive su 28”. Gran parte delle armi di Hamas arrivano dall’Iran e dal Sudan, ed entrano nella Striscia attraverso il Sinai. A marzo, Israele ha intercettato la Klos-C, una nave iraniana piena di missili siriani M-302 con un potenziale raggio di 200 chilometri. I terroristi di Hamas sono addestrati dentro la Striscia, ma i veterani vengono tutti dai campi in Iran.

 

La costruzione dei tunnel è iniziata quattro anni fa e ha richiesto il quaranta per cento delle risorse di Hamas. Generalmente i tunnel sono scavati 25 metri sotto terra, ma l’esercito ha trovato anche tunnel a 35 metri. “E’ come un palazzo a dieci piani nel sottosuolo”, ha detto un ufficiale dell’Idf. L’ex capo di stato maggiore, Shaul Mofaz, ha detto che i tunnel sono una minaccia “strategica” per Israele e non meramente “tattica”.

 

I miliziani di Hamas come i vietcong, che scavarono una rete di gallerie sotto il paese per combattere, con tecniche di guerriglia, l’esercito americano. Il parallelo è tracciato dal sito israeliano di intelligence Debka. Ma sono stati gli Hezbollah a insegnare a Hamas come e cosa fare dei tunnel...

 

- prosegui la lettura di ilfoglio.it 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna