Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/06/22 ore

Scandalo Lazio, i romani non sanno la verità



 

"Così han fatto tutti". Resta davvero questa l'idea comunimente diffusa fra gli italiani a proposito degli scandali che via via sono emersi sugli sprechi e il malaffare in politica. La conferma arriva anche da un sondaggio Ipsos, fatto commissionare dai Radicali nella provincia di Roma, in riferimento alla vicenda Fiorito, emersa grazie alla denuncia dei consiglieri regionali radicali.

 

Dalla ricerca, i cui risultati sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa dai due consiglieri regionali, Rocco Berardo e Giuseppe Rossodivita, con la presenza anche di Emma Bonino, sono emersi così risultati decisamente deprimenti sullo stato della conoscenza e della percezione dei fatti da parte dell'opinione pubblica della Capitale d'Italia, complice una sistematica azione di disinformazione dei media nazionali.

 

Alla domanda "quale partito del Consiglio regionale del Lazio a suo parere si è battuto di più contro gli sprechi?" il 43% degli interpellati ha risposto "nessuno", il 15% "non sa" e solo il 12% degli intervistati risponde la Lista Bonino Pannella e i Radicali. Rispondendo invece alla domanda su quale partito del Consiglio regionale abbia reso pubblico per primo il proprio bilancio, il 74% "non sa" rispondere e solo il 9% ha indicato i Radicali.

 

In linea generale si può dire che per il 70% circa del campione di cittadini della provincia di Roma nessun partito si è battuto contro gli sprechi, mentre fra gli interpellati che in teoria hanno dimostrato di "saperne" qualcosa, una significativa parte non ha esitato a dare meriti insospettabili al Partito democratico e a mettere anche Italia dei valori - con buona pace del tesoriere di Antoni Di Pietro, Maruccio - fra i movimenti in prima fila nella lotta al malaffare. 

 

"Tranne i radicali" è uno slogan che circola da settimane grazie a un tam tam incessante sul web: una goccia nell'oceano se poi, per esempio, Di Pietro salta da un talk tv all'altro per professare, nonostante tutto, la sua illibatezza. (red.)

 

Video integrale della conferenza stampa » (da radioradicale.it)

Scarica il sondaggio (PDF)


Aggiungi commento