Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

30/06/22 ore

La difficoltà della magistratura: non sapere chi è. Conversazione con Luciano Violante



“… Parlamento, magistratura, professioni, tutto il sistema istituzionale italiano attraversa un momento di grande difficoltà… bisognerebbe riadeguare gli strumenti tradizionali in questo cambiamento d’epoca … Costruiti per un paese lento, questi soggetti, queste istituzioni non riescono ad entrare in questa nuova dimensione. … Siamo un paese gerarchicizzato, con corpi intermedi che tenevano insieme il tutto…” - così Luciano Violante, ex magistrato e già prediate della Camera dei Deputati introduce la sua conversazione con il direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, Giuseppe Rippa.

 

“… Il Parlamento - aggiunge Violante - non riesce a ripensare se stesso e si muove, scompostamente, con presunte leggi elettorali che non sono la bacchetta magica per la soluzione di una crisi profonda…. La magistratura attraversa una fase di forte corporativizzazione legata al fatto che non riesce a pensare se stessa nella nuova realtà…” - prosegue Violante.

 

“… Ma se è indubbio che esiste una crisi della magistratura che ha prodotto nei cittadini una mancanza di fiducia e una diffidenza verso la giustizia e l’Ordine giudiziario …” - ha sottolineato Rippa -. “ … di fronte al sostanziale immobilismo delle forze politiche, che al di là delle parole si ritrovano a ribadire che è il dibattito parlamentare che ha le riposte, non riuscendo a dare nessuna prospettiva reale nel quadro di un Parlamento paralizzato, perché i referendum sulla giustizia non dovrebbero essere lo strumento fondamentale di partecipazione in grado di dare ai cittadini una voce su quella che - con grave rischio per la democrazia - è oramai la controproduttività della giustizia stessa? …”.

 

“Credo che il referendum siano utili e costituzionalmente ineccepibili, ma non ne sono convinto in questo caso…”  - ha chiarito Violante, il quale poi ha espresso una scelta chiara sulla eliminazione del “decreto” Severino (decadenza degli incarichi parlamentari, di governo, dai consigli regionali da sondaco, dalle amministrazioni locali in caso di condanna in primo grado). 

 

Allora andrai a votare  SI per questo referendum ha incalzato Rippa…. E Violante ha sorriso.

 

Di seguito l’audiovideo della conversazione per Agenzia Radicale Video…

 


 

 - La difficoltà della magistratura: non sapere chi è. Conversazione con Luciano Violante

(Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento