Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/11/19 ore

Grillizzare il Pd


  • Antonio Marulo

Il Movimento 5 Stelle perderà pure i consensi ottenuti alle elezioni politiche del 2018, man mano che fa danni, in compenso persegue con successo i suoi obiettivi. Ieri ha ottenuto un altro scalpo contro la “casta”, molto meno simbolico del vendicativo taglio dei vitalizi.

 

Questa volta tutti o quasi hanno assecondato il disegno antidemocratico casaleggese, chi per un motivo chi per un altro. La prova più imbarazzante è stata senza dubbio quella offertà dal Pd, nella sua versione allargata a Italia viva, che per mesi ha osteggiato una legge poi votata in quarta lettura.

 

Emblematico in tal senso il dramma insolito vissuto da Roberto Giachetti - oggi fedele scuderio di Matteo Renzi, ieri rutelliano d.o.c. nella Margherita, ieri l'altro radicale e pannelliano -, che ha votato la riduzione del numero dei parlamentari, ma solo per “disciplina di partito”, annunciando l'immediata mobilitazione per un referendum che affossi la riforma costituzionale.

 

Graziano Del Rio si è mostrato invece convinto della bontà del nuovo corso. “Il nostro è diventato un sì perché sono state accolte le nostre ragioni - ha spiegato con cipiglio. E chissà a quali ragioni si riferiva, visto che non sono noti i dettagli - al di là di fumose linee guida di principio - dell'eventuale contropartita richiesta ai grillini.

 

Per ora agli atti del Conte 2, con rinnovata maggioranza, c'è solo l'intoccabilità – come già sottolineato in altre occasioni - dei capisaldi economici del disgraziato governo precedente, per non parlare della discutibile linea di condotta su Giustizia e carceri.

 

Intanto, il “buon” Dario Franceschini, a conferma dell'idillio in atto, ci ha fatto sapere con una perla memorabile che sono del tutto errate le impressioni negative sul conto di Luigi Di Maio. “È uno che approfondisce, che studia”, altroché. Per questo la sua opinione sull'attuale ministro degli Esteri è “assolutamente positiva”.

 

Cosa resta da dire, allora: volevano romanizzare i barbari; sta accadendo esattamente il contrario, stanno grillizzando il Pd.

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna