Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/08/18 ore

Partito Radicale: il generale Mori e i suoi uomini condannati, ma è la giustizia ad aver perso. Sentenza assurda, illogica, mostruosa



"Ogni volta che si emette una sentenza, l'invito ricorrente è quello di attendere le motivazioni, prima di commentarla. Nel caso della sentenza palermitana che condanna a 12 anni l'ex generale Mario Mori, l'ex generale Antonio Subranni, l'ex colonnello Giuseppe De Donno, Marcello Dell'Utri - tutti accusati di minaccia a corpo politico dello Stato, non c’è necessità di attendere: è una sentenza assurda, illogica, che poggia su un nulla fatto di niente.

 

La corte d'assise di Palermo accoglie la fantasiosa e fantastica ricostruzione della procura per quel che riguarda la stagione del 1992-93.

 

L'imputato maggiore, l'ex ministro Mancino, esce di scena - ed è giusto che sia cosi, dal momento che lo si è assurdamente chiamato in causa (e si voleva con lui colpire il presidente emerito Giorgio Napolitano).

 

Cade la "pista politica", il riferimento politico; si accredita quella di settori deviati dello Stato colpevoli di connivenze con Cosa Nostra, dal momento che, evidentemente, non si ha avuto il coraggio di smontare, come si sarebbe dovuto, il fragilissimo e fantasioso castello accusatorio approntato dall'ex procuratore Antonio Ingroia e proseguito da altri suoi colleghi. Senza l'input politico, come si giustifica la evocata "trattativa"?

 

In buona sostanza, che cosa si rimprovera al generale Mori e ai suoi collaboratori? Semplicemente di aver fatto il loro lavoro. Non di aver proposto e avviato una tregua con Cosa Nostra, ma di aver avviato contatti con Vito Ciancimino, per ottenere informazioni.

 

Ma significa pur qualcosa che Mori e i suoi uomini Totò Riina l'hanno pur sempre arrestato, e dopo di lui sono stati catturati tutti gli altri grandi boss di mafia. Dunque di quale trattativa si parla, e con chi?

 

Leggiamole pure, quando saranno rese note, le motivazioni della sentenza. Ne ricaveremo la conferma, ancora una volta, che in nome del "popolo italiano" corti di giustizia, generano vere e proprie mostruosità.

 

Ne ricaveremo la conferma che un processo assurdo che non si sarebbe dovuto neppure istruire, si è concluso in modo altrettanto assurdo. Mori e i suoi uomini sono stati condannati, ma è la giustizia, oggi, ad aver perso". (*)

 

(*) (comunicato del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transparito)

 

- C'era una volta il Diritto di Piero Sansonetti (da Il Dubbio)

 

 

 

 


Commenti   

 
0 #5 Christal 2018-07-22 04:18
You can generate many psn codes right after sharing.


Also visit my web page: code psn: http://codepsngratuit.eklablog.com/
Citazione
 
 
0 #4 gionna 2018-05-13 12:26
Buongiorno
per qualsiasi necessità di prestito o di finanziamento di progetto volete contattare questa signora MANECCHI che potrà aiutarli

Citazione
 
 
+2 #3 Redazione 2018-04-30 16:30
Il comunicato del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale, Trasparito, qui riportato, è stato pubblicato da Agenzia Radicale, come si può vedere, sabato 21 aprile.
Il 28 aprile all'Assemblea di Roma del PRNTT Sergio D'Elia, che viene presentato da Radio Radicale tra i coordinatori del Partito, ha detto che il sito Magazine Sicurezza è stato l'unico a pubblicare il comunicato ... Non è vero, come qui documentato ...
Per dirla alla Totò: .... "Ho detto tutto .... !".
Citazione
 
 
+1 #2 Maurizio Navarra 2018-04-23 12:05
Il lonfo! Questo nostro è il Paese del lonfo, quello che non vaterca nè gluisce e molto raramente barigatta!
Tutto il resto è soltanto fuffa.
Citazione
 
 
+1 #1 Salvatore Azzaro 2018-04-22 10:54
"Beati i perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi..." Matteo 5,3-12
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna