Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/18 ore

Psicodramma Bonino



Per quanto prevedibile, bisogna ammettere che la piega presa dalle vicende post-elettorali dei cosiddetti radicali di Emma Bonino va forse oltre le più deprimenti, quanto pessime, aspettative dei critici.

 

L'idea “meravigliosa” del neo onorevole Riccardo Magi di mettersi a fare il Pannella, con la velleitaria quanto incomprensibile auto-candidatura a ipotetiche primarie aperte del Partito democratico, ha fatto cadere nello sconforto e nella disperazione la più amata ma poco votata dagli italiani, che davvero non si aspettava un colpo del genere, per giunta senza preavviso e consultazione alcuna.

 

Così, i nodi di Più Europa si sono incastrati prima del previsto nel pettine sdentato di Radicali Italiani. Da tempo in preda al dilemma se essere o non essere partito vero, l'Associazione della fu Galassia pannelliana, lo scorso fine settimana, all'indomani dello "tsunami grillino", ha finito per inscenare uno spettacolo imbarazzante, grazie alla trovata geniale del suo segretario un po' megalomane e deputato per grazia e voti boniniani ricevuti, quando invece doveva analizzare la sconfitta e incardinare il futuro del cartello elettorale messo in piedi con il buon democristiano Tabacci.

 

Nel progetto Emma Bonino ha ammesso – sconsolata - di aver speso e rischiato il suo patrimonio politico. Ora che “non ha più il tempo di ricostituirlo”, è decisa a non arrendersi. Per questo andrà avanti, facendo intanto “la senatrice radicale di Più Europa”, nella speranze di ricomporre i cocci rotti in un'imprevista (ma solo nei tempi) resa dei conti interna. (A.M.)

 

 


Commenti   

 
0 #3 ilSocialista 2018-03-20 20:56
ad ogni modo essere di sinistra sta diventando un pò uno status symbol; un lusso che in pochi si possono permettere; ormai si vedono strani personaggi esibire la tessera del PD nei circoli che contano come potrebbero esibire l'ultimo SUV della Jeep o la BMW; sic transit gloria mundi
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2018-03-20 18:28
non si sa quanto a Pannella la cosa sarebbe piaciuta, però si deve anche dire che i tempi in cui Pannella crebbe e si formò sono di un'era geologica anteriore.
Tornano in mente le profetiche parole di Bennato nel "paese dei balocchi":
Attenzione attenzione
tutti quelli che stanno a destra
si spostino a sinistra!
Ora tutti quelli che stavano a sinistra
si spostino a destra!...
seguire il ritmo, di corsa di corsa!...
Il paesaggio e la natura cambiano vorticosamente sotto gli occhi e e gli essere viventi come le forze politiche, devono affrettarsi a trovare una funzione, un senso, uno scopo ed una nicchia di sussistenza dentro il CAOS ACCELERATO che sovrasta e domina
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2018-03-20 18:22
mha, sai sappiamo in storia naturale che ogni tot decine di migliaia o centinaia di migliaia di anni i poli magnetici si invertono; sappiamo che sono periodi turbolenti di "caos magnetico" in cui le terribili onde che vengono dal sole possono intrufolarsi e cuocere un essere vivente come una bistecca al microonde;
i dati elettorali confermano la inversione dei poli, nel senso che le zone più ricche delle città votano a sinistra, mentre mentre le zone più povere e le periferie votano 5 stelle o a destra; ora i radicali pure devono stare attenti a non diventare un partito di elites per le elites, pagato dalle elites per parafrasare il celebre notto di George Wahshington
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna