Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

22/01/18 ore

Vitalizi, l'emblema della parabola di Renzi


  • Antonio Marulo

Si narra che da quel fatidico 40 per cento alle elezioni Europee non ne abbia imboccata una giusta nemmeno per sbaglio. Da fine e spregiudicato stratega della politica italiana, che in quattro e quatr'otto scala il Pd e si sbarazza abilmente di Enrico Letta, si è ridotto a rincorrere senza requie i grillini sul proprio terreno.

 

Eppure dovrebbe saperlo che alla fine si preferisce sempre l'originale alla volgare imitazione. Invece no, Matteo Renzi persevera e diabolicamente si dà la zappa sui piedi. In tal senso, la vicenda dei vitalizi risulta emblematica.

 

L'ex rottamatore, a rischio rottamazione, pur non essendo riuscito a imporre la calendarizzazione al Senato della legge Richetti in materia, ha provato a percorrere la strada antica e sempre verde dell'emendamento natalizio in finanziaria. Aveva però dimenticato, forse, che da qualche tempo insolite e virtuose abitudini parlamentari stanno scoraggiando, quando è possibile e conveniente, il ricorso alla sgradevole pratica di far approvare nella sessione di bilancio provvedimenti che nulla c'entrano con l'oggetto in discussione.

 

Pertanto, il colpo di coda per provare a sfilare l'argomento dalla campagna elettorale di Di Maio è fallito. Risultato: il Pd ha improvvidamente rinverdito la polemica per certi aspetti sopita e i 5 Stelle, gongolanti, in queste ore hanno ripreso a cavalcare l'onda, accusando il Segretario allo sbando di essere un "bugiardo". Oltre che - si potrebbe dire in questo caso più prosaicamente - cornuto e mazziato.

 

 


Commenti   

 
0 #1 Guest 2017-12-12 19:18
mha, sai da che mondo e mondo per fare politica non basta qualche abilità spiccia da studentino di economia e commerico; presentare delle slides, fare un Tweet, chiedere dei finanziamenti, fare un breefing con quattro collaboratori cooptati, pavonegggiarsi su un mezzo di comunicazione; il dramma di questa epoca è che si è voluto inculcare a forza nelle masse che la politica possa essere solo questo; invece ci vuole uno straccio di cultura, di visione, di progetto, di sentimento e comunicazione con la profondità morale di in paese; la politica che si basi solo sui cellulari, la carta di credito, il centro commerciale e la presentazion e aziendale è un ridicolo accrocco indigeribile che ovviamente non può che sprofondare al primo soffio di vento.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna