Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/11/17 ore

L'anello che manca pure a Giuliano Pisapia


  • Antonio Marulo

C'è chi l'ha chiamata sindrome di Tafazzi - dal personaggio del trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo che si deliziava con atti di autolesionismo al basso ventre – quella di cui è affetta la sinistra italiana. Il cosiddetto “laboratorio” siciliano pare confermarlo, dopo le ultime vicende sulle candidature alle elezioni regionali.

 

I fuoriusciti dal Pd - Bersani, Speranza e compagnia bella sotto l'egida di Massimo D'Alema – insieme con Sinistra Italiana puntano sulla ormai vecchia conoscenza Claudio Fava. Una scelta solo in apparenza velleitaria, visto il chiaro e più agevole obiettivo di ostacolare l'ascesa del candidato renziano, appoggiato dalla sparuta truppa di Angelino Alfano.

 

Il cosiddetto “campo progressista” che dialoga col Pd sognato da Giuliano Pisapia si va quindi restringendo. Pochi sembrano infatti disposti a seguirlo nel progetto - per nulla nuovo - di “un nuovo centrosinistra che sappia unire chi vuole una coalizione di centrosinistra unendo anime diverse". All'ex sindaco di Milano resta fin qui la solita compagnia di fedelissimi della società civile, delle arti e delle professioni, tra ex girotondini e borghesi illuminati. L'uomo non riesce a sfondare, come si usa dire. Non è dotato probabilmente del famigerato quid del leader. Porta con sé la reputazione di persona per bene e una bella rendita di posizione come sindaco di una Milano che rinasce, ma evidente non basta. Ci vuole altro, oltre le frasi fatte.

 

Di certo non gli giova l'indecisione. Allo stato non si è ancora ben capito cosa voglia in concreto. Mentre tiene legittimamente il filo di un accordo nazionale di coalizione con Renzi, ha prima detto di non condividere la scelta di Mdp in Sicilia, poi ha frenato sullo strappo – come raccontano le cronache. Di certo, le cose non vanno nella direzione da lui auspicata e, per certi aspetti, non è un male, viste le premesse.

 

Se la semantica ha un senso (tipo, “le parole sono importanti”...), il manifesto del Campo di Pisapia inizia infatti così: “una rete di esperienze politiche, associative laiche e cattoliche, culturali, progressiste, democratiche, ecologiste e civiche su tutto il territorio italiano...”. Non è un caso che non si legga – tra le tante - la parola “liberali”: "l'anello mancante" - si potrebbe azzardare - tra una sinistra moderna e al passo con i tempi e la brancaleonesca armata vetero-ulivista, di cui si può fare (abbiamo già dato) volentieri a meno.

 

 


Commenti   

 
0 #2 ilSocialista 2017-09-07 01:22
anche perchè mi pare un leggero controsenso sperticarsi tanto per i migranti, rimpiangerne l'afflusso oceanico e dargli vitto e alloggio quando ci sono ancora degli italiani che dormono in macchina e mangiano alla mensa collettiva; inutile pensare di risolvere i problemi sociali di interi continenti quando ancora si risolvono quelli del piccolo cortile di casa; è tipico delirio di onnipotenza di ceti fortunati ed incoscienti che conduce puntualmente solo a odii e lotte fra poveri senza esclusione di colpi.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-09-07 01:13
a me mi pare che quel Brancaleone di Bersani uffa-che-noia abbia fatto per il mercato cose meno noiose di quell'estremist a delle slides che è Renzi, ma si sa, il termine "liberale" include una miriade di cose e di aspetti e la opinione sul tema è molto soggettiva e variabile; a me basterebbe che includessero nel programma un piano di lotta alla povertà assoluta, adeguatamente finanziato; e per farlo ci vogliono 7 miliardi, come tutti sanno
http://www.lastampa.it/2017/09/06/italia/cronache/per-sfidare-la-povert-in-italia-servono-miliardi-RHeZ29FCal6EVycHrbq1IL/pagina.html
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna