Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/10/19 ore

Recessione, l'incredibile ripresa dell'Italia


  • Antonio Marulo

“Se lo diciamo lo facciamo”. Se non è una minaccia, poco manca, a giudicare dai primi sette mesi di governo del cambiamento. E “siamo solo all'inizio”, ha avvertito fiero Luigi Di Maio nella conferenza stampa su quanto fatto fin qui dal Movimento 5 Stelle.

 

I dati economici non fanno paura a quanto pare e il premier Conte da parte sua rassicura sulla recessione, perché – dice - “ci sono tutte le premesse per un bellissimo 2019”; se è vero - come disse - che “è bella la manovra economica”. In proposito, i giudizi – al netto della propaganda e delle opinioni giornalistiche di chi “tiene famiglia” - non sono lusinghieri.

 

La preoccupazione infatti cresce. Assolombarda, ma in genere il tessuto produttivo medio e piccolo del Nord, vive nel terrore, si lamenta e non nasconde la delusione: non ci si aspettava un approccio così anti-sviluppo. Eppure bastava prestare attenzione alle balle della campagna elettorale o leggere con cura il "contratto di governo", per comprendere che “questi qua” – per dirla con Filippo Ceccarelli – se non cambiano rotta porteranno il paese a sbattere.

 

Sì, è vero: è presto per scaricare le responsabilità della nuova recessione sui due capisaldi, quota 100 e reddito di cittadinanza. Non è ancora il tempo di raccogliere i loro frutti velenosi. Per ora si prende atto dei primi effetti negativi del decreto dignità – la presunta “Waterloo del precariato” – che come previsto ha fatto invece crescere i contratti a termine e calare quelli a tempo indeterminato.

 

L'incertezza poi, alimentata dalle bizzarrie giallo-nere di questi mesi, non aiuta. Tanto basta per far calare i consumi e gli investimenti privati, mentre quelli pubblici non sono per ora contemplati. Il governo si affida piuttosto alla “carta consumi”, che a partire da aprile sarà distribuita ai meno abbienti per dare nuovo vigore al Pil, e al presunto effetto turnover dei prepensionamenti.

 

Queste sono le illusioni. Mentre si lavora a tappe forzate per introdurre l'obbligo di chiusura domenicale dei negozi e dei centri commerciali. Non ci vuole un mago per capire che la geniale idea porterà a un'ulteriore contrazione dei consumi e a un taglio dei posti di lavoro nel settore.

 

Ma niente paura, Giuseppe Conte ha detto oggi che “l'italia ha un programma di ripresa incredibile”. Ecco, giusto: ripresa incredibile. Per l'appunto.

 

 


Commenti   

 
0 #1 Jacquetta 2019-02-20 02:54
Thanks for sharing your thoughts. I truly
appreciate your efforts and I will be waiting for your further
post thanks once again.

Have a look at my site ... read here: http://xqno.com/lookatthis20107
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna