Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/11/17 ore

Gli “alter ego” di Luigi Di Maio



Ormai ne fa una dietro l'altra. Si è perso il conto. Dai congiuntivi, alla geografia, dalla storia all'utilizzo a sproposito delle locuzioni latine..., la serie di perle si allunga.

 

Così, intervistato ieri da Fabio Fazio, Luigi Di Maio ha dato un'altra prova di sé, parlando di quando va all'estero per incontrare “i miei alter ego” degli altri Paesi.

 

La cosa potrà strapparci alla fine un bel sorriso. Del resto è nel destino dei 5 Stelle avere un comico come leader.

 

A differenza di Grillo, quella di Di Maio è una comicità involontaria, che pure ha il suo perché. Se non fosse che è stato candidato premier alle prossime elezioni. Questo, a pensarci, ci fa un po' meno ridere. (red.)