Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20/05/24 ore

L’Iran ha pre-coordinato il suo attacco contro Israele con gli Stati Uniti in modo che non vi fossero feriti e la guerra con Israele venisse evitata



di Yigal Carmon*

 

(da Memri Middle East Media Research Institute)

 

Per capire cosa è successo durante l’attacco diretto dell’Iran a Israele, bisogna tornare indietro di quattro anni, all’uccisione da parte degli Stati Uniti del comandante della Forza Quds iraniana Qasem Soleimani

 

L’Iran aveva bisogno di reagire simbolicamente come ritorsione per salvare la faccia e ha chiesto di farlo. Gli Stati Uniti gli hanno permesso di attaccare la propria base aerea di Ayn Al-Asad in modo che nessuno rimanesse ferito. 

 

Quindici missili furono lanciati contro la base, provocando lievi danni e nemmeno una goccia di sangue. L’Iran potrebbe meritare un premio Nobel per la pace per essere riuscito a lanciare 15 missili senza uccidere nessuno.

 

Il tenente colonnello Staci Coleman, che era il comandante del 443° squadrone di spedizione aerea, e i membri del suo squadrone testimoniarono[1] di essere stati informati di un imminente attacco missilistico balistico iraniano quasi sei ore prima che accadesse. 

 

Il capitano Wesley Florez, l'ufficiale esecutivo del 1° gruppo di salvataggio di spedizione, ha detto di aver ricevuto informazioni sull'attacco nel primo pomeriggio precedente.[2]

 

Trump ha dichiarato a Fox News nel febbraio 2024: "Sai, li abbiamo colpiti [l'Iran] molto duramente per qualcosa che hanno fatto, e hanno dovuto rispondere, sentono di doverlo fare e lo capisco. Mi hanno chiamato per dirmi 'Colpiremo un certo punto ma non lo colpiremo, sarà fuori dal perimetro'... 

 

Ci hanno fatto sapere e abbiamo avuto 16 missili che sono esplosi. .. E sapevamo che non avrebbero colpito. E ora lo rivelo... Così hanno puntato quei missili e hanno detto: 'Per favore, non attaccateci, non vi colpiremo.' Questo era rispetto, avevamo rispetto."[3]

 

L'allora ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif disse che il regime iraniano aveva informato l'Iraq dei suoi piani per lanciare missili sulle basi statunitensi. Questa mossa garantiva che l’Iraq avrebbe poi informato gli Stati Uniti, in modo che venissero prese precauzioni per prevenire la perdita di vite umane.

 

Ora, torniamo al bombardamento iraniano di Israele. L'Iran voleva recuperare la sua deterrenza dopo l'uccisione a Damasco del generale iraniano Mohammad Reza Zahedi, che, secondo la testimonianza dell'Iran, era la mente dell'attacco del 7 ottobre.[4] 

 

Gli Stati Uniti hanno quindi fatto a Israele quello che avevano fatto a se stessi: si sono coordinati con gli iraniani in modo che i civili non venissero colpiti. I media arabi stanno già riportando questo coordinamento.[5] L’Iran ha reso facile per Stati Uniti, Israele, Gran Bretagna e Giordania sapere cosa avrebbe fatto e cosa non avrebbe fatto, e dove lo avrebbe fatto. Israele non faceva parte di questo coordinamento.

 

L’Iran ha poi lanciato 300 missili da crociera, missili balistici e droni, e non è rimasta ferita nemmeno la coda di un gatto. Quando Hamas spara ci sono dei feriti. Quando Hezbollah spara, ci sono feriti. Quando l’Iran ha sparato, non ce ne erano.

 

Una ragazza israeliana è stata ferita a causa di un missile di difesa aerea e non a causa di un missile o di un drone d'attacco. Proprio come i danni subiti da Ayn Al-Asad quattro anni fa, ci sono stati danni minori alla base aeronautica israeliana di Nevatim, nel nord del Negev, ma anche lì nessuno è rimasto ferito. Si può spiegare questo affermando, per pura arroganza, che gli iraniani sono deboli e stupidi? Solo gli ingenui possono crederci.

 

Nei giorni precedenti l'attacco, l'America, secondo quanto riportato dai media, aveva avuto scambi con l'Iran. Già da un'intera settimana i primi avvertimenti arrivavano dall'America attraverso rapporti tra cui quelli del Wall Street Journal e di Bloomberg. Tutto Israele è entrato nell’isteria per l’imminente attacco iraniano, di cui ha comunque beneficiato il primo ministro Netanyahu, spingendo dalla notizia la sua responsabilità per il 7 ottobre.

 

L’America ha coordinato l’attacco con l’Iran in modo che nessuno venga ferito o ucciso fisicamente. Ciò è avvenuto grazie alle difese aeree altamente qualificate americane, israeliane, britanniche e giordane.

 

Gli americani hanno giocato contro Israele e continuano a farlo impedendo una reazione israeliana. Di fatto, hanno cominciato a fare pressione su Israele affinché non reagisse ancor prima che avvenisse l'attacco. Il comandante del CENTCOM, generale Michael Kurilla, si è recato in Israele il 13 aprile e ha sollecitato il coordinamento preventivo con gli Stati Uniti di qualsiasi azione da parte di Israele. Ora lo ha detto lo stesso presidente Biden: non sei stato ferito, hanno fallito. Non fare niente. Non intensificare la situazione perché ci trascineresti in una guerra. Ti abbiamo protetto e nessuno è rimasto ferito. La risposta sarà diplomatica.

 

In effetti, nessuno è rimasto ferito, ma la deterrenza di Israele è stata vanificata dal pre-coordinamento degli Stati Uniti con l’Iran. La deterrenza di Israele è stata liquidataper salvare quella dell’Iran.

 

Quando i missili balistici che possono raggiungere Tel Aviv dall'Iran in 12 minuti sono stati ritardati, ho detto agli amici che probabilmente era per fermarci a rinfrescarci lungo la strada e che gli americani ci avrebbero detto di non reagire...

 

Al Jazeera, il canale di Hamas allineato con l'Iran, ha riferito che i droni avvistati sopra Aqaba, nel sud della Giordania, stavano proseguendo il loro viaggio verso Eilat. Chiunque conosca la zona sa che i droni ovunque ad Aqaba potrebbero raggiungere la quasi adiacente Eilat in due minuti, eppure non ci sono stati bombardamenti di droni a Eilat...

 

Questo coordinamento con l’Iran, che garantisce che non ci siano vittime né feriti, è stato fatto senza che Israele potesse farlo.

 

L’aeronautica israeliana, come quelle di Stati Uniti, Regno Unito e Giordania, ha fatto un ottimo lavoro. Avevano informazioni complete sui missili che stavano arrivando. Israele ha ottenuto le informazioni dagli americani, che hanno ottenuto informazioni su cosa, dove e quando degli attacchi aerei da parte degli iraniani, consentendo un insondabile tasso di difesa missilistica del 99%.

 

L'aeronautica e la difesa aerea israeliane, insieme agli altri, hanno fatto del loro meglio, ma la deterrenza di Israele è stata persa. Recuperarlo sarebbe un processo doloroso perché, come minacciano gli iraniani, il prossimo attacco non sarà pre-coordinato. La cosa peggiore per Israele sarebbe credere che i risultati di questa notte siano tutto ciò che l’Iran può ottenere. Possono fare molto di più.

 

*Yigal Carmon è presidente e fondatore di MEMRI.

 

___________________ 

 

[1] Vedi MEMRI Daily Brief n. 337, The Iran-U.S. Crisi, parte III: attacchi iraniani del gennaio 2020 alla base aerea statunitense di Ayn Al-Asad – I ruggiti di una spaventosa tigre di carta, 10 novembre 2021.

[2] Vedi MEMRI Daily Brief n. 337, The Iran-U.S. Crisi, parte III: attacchi iraniani del gennaio 2020 alla base aerea statunitense di Ayn Al-Asad – I ruggiti di una spaventosa tigre di carta, 10 novembre 2021.

[3] Vedi messaggio speciale MEMRI n. 11125, L'Iran ha informato gli Stati Uniti in anticipo del suo attacco missilistico del gennaio 2020 alla base aerea di Ain Al-Assad in Iraq, 9 febbraio 2024.

[4] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 11264, stretto collaboratore del leader supremo iraniano Khamenei: il comandante della forza Qods dell'IRGC per la Siria e il Libano, ucciso a Damasco, era coinvolto nella pianificazione e nell'esecuzione dell'attacco di Hamas del 7 ottobre, 9 aprile 2024.

[5] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 11276, Commentatori arabi sui social media: l’attacco iraniano dei droni contro Israele è stato pianificato e concordato tra Iran, Israele e Stati Uniti, 14 aprile 2024.

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

foto: Tenente colonnello Staci Coleman, comandante del 443° AES, base aerea di Ayn Al-Asad (Fonte: PressTV (Iran) Twitter, 13 gennaio 2020)

 

 


Aggiungi commento