Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/04/24 ore

Rischi: 'Nessuno sa fino a che punto si spingerà la Cina nell'avanzare rivendicazioni nel Mar Cinese Meridionale'. Lo dice l’ambasciatore delle Filippine negli Stati Uniti Romualdez



INTRODUZIONE

 

La Cina pubblica la nuova mappa del Mar Cinese Meridionale

 

Alla fine di agosto 2023, la Cina ha pubblicato una nuova mappa del Mar Cinese Meridionale che ha suscitato rabbia e preoccupazione, poiché presentava una linea di 10 trattini per il Mar Cinese Meridionale. Pertanto, sta estendendo le sue rivendicazioni territoriali ben oltre la sua riconosciuta Zona Economica Esclusiva (ZEE).[1]

 

Descrivendo l'indignazione suscitata dalla nuova mappa, Channel News Asia ha scritto: "Il Ministero cinese delle Risorse Naturali lunedì (28 agosto) ha pubblicato la China Standard Map Edition 2023, che rivendica vaste aree del Mar Cinese Meridionale [che sono] anche conteso da Malesia, Vietnam, Filippine e Brunei, nonché da diverse aree terrestri dell'India [poiché la mappa designa lo stato indiano nordorientale dell'Arunachal Pradesh come parte della Cina] [2] e della Russia.

 

"La nuova mappa della Cina ripropone anche l'uso di una linea a '10 trattini' - con un trattino aggiuntivo a est di Taiwan - una rottura con la consueta linea a nove trattini che Pechino ha utilizzato negli ultimi anni per rivendicare le sue rivendicazioni su vaste aree del Mar Cinese Meridionale. La mappa ha attirato le proteste dei governi indiano, filippino e malese mentre l’Indonesia, sebbene non sia uno stato ricorrente ma [che] ha i suoi Natuna all’interno della linea dei nove trattini, ha affermato che sta cercando chiarezza sulla questione."[3]

 

Il 31 agosto 2023, le Filippine hanno dichiarato: "Quest'ultimo tentativo di legittimare la presunta sovranità e giurisdizione della Cina sulle caratteristiche filippine e sulle zone marittime non ha alcuna base ai sensi del diritto internazionale". È stato anche riferito che le Filippine hanno chiesto a Pechino di aderire alla sentenza del Tribunale dell'Aia del 2016, che ha respinto la pretesa della Cina di sovranità sul Mar Cinese Meridionale.[4]

 

Inoltre, il segretario alla Difesa filippino Gilbert Teodoro Jr. ha sottolineato che la linea di 10 trattini mostrata nell'edizione 2023 della mappa nazionale standard di Pechino è una prova inequivocabile della sua politica espansionistica nel Mar Cinese Meridionale: "Ciò è dimostrato dalla nuova mappa amministrativa dove hanno aggiunto un’altra linea tratteggiata. Questa è la prova migliore del loro programma espansionista: dominare l’intero Mar Cinese Meridionale e forse oltre.”[5]

 

Recentemente, con l'aumento delle tensioni tra Cina e Filippine a causa delle azioni aggressive di Pechino nel Mar delle Filippine occidentali, anche l'ambasciatore delle Filippine negli Stati Uniti Jose Manuel "Babe" del Gallego Romualdez ha discusso del problema con la nuova mappa a 10 trattini della Cina. 

 

Ha scritto sul media Philippine Star[6]: "L'anno scorso, la Cina ha lanciato la cosiddetta mappa nazionale standard che presenta una linea di 10 trattini - un trattino in più rispetto alla precedente linea di nove trattini - solo un una settimana dopo che il presidente cinese Xi Jinping aveva affermato che “l’egemonia non è nel DNA della Cina” – cosa che ha suscitato proteste tra nazioni tra cui India, Malesia, Vietnam e Filippine che hanno respinto tale affermazione radicale. E come ho sottolineato durante il mio intervento al Corpo consolare delle Filippine – nessuno sa davvero fino a che punto si spingerà la Cina nel rivendicare le sue rivendicazioni nel Mar Cinese Meridionale. Prima erano nove, oggi sono 10 – poi 11, 12? Come nazioni ricorrenti, possiamo parlare delle nostre rivendicazioni contrastanti ma non possiamo assolutamente permettere che un singolo paese rivendichi l’intera area”.

 

Ha aggiunto: "Ma anche se le Filippine rinunciano alla guerra come strumento di politica estera, ciò non significa che non ci difenderemo. Risponderemo con tutto ciò che abbiamo se un altro paese ci attacca. E mentre modernizziamo le nostre forze armate Per raggiungere una posizione di difesa credibile, dobbiamo trarre conforto dalla saggezza dei nostri leader del passato dopo la seconda guerra mondiale: il Trattato di mutua difesa con gli Stati Uniti del 1951. Oggi, ci sono molte altre nazioni che condividono gli stessi valori e riconoscono che la nostra sovranità come una nazione è indiscutibile.”

 

La nuova mappa del Mar Cinese Meridionale pubblicata a fine agosto 2023 dalla Cina (Fonte: Global Times, portavoce del PCC)

 

"La Cina ha recentemente pubblicato la China Standard Map Edition 2023, che rivendica vaste aree del Mar Cinese Meridionale contese anche da Malesia, Vietnam, Filippine e Brunei, nonché diverse aree terrestri in India e Russia. La nuova mappa riafferma la rivendicazione della Cina di Taiwan, si sovrappone al territorio dell'India, della Malesia, del Vietnam, della Russia e altri." (Fonte: channelnewsasia.com)

 

Ambasciata cinese: l'inviato delle Filippine "serve da portavoce per un altro paese", ovvero gli Stati Uniti

 

Vale la pena notare che l'ambasciatore Romualdez è stato recentemente attaccato dall'ambasciata cinese a Manila dopo aver affermato che, mentre gli Stati Uniti giustamente vedono un possibile conflitto a Taiwan come "serie preoccupazioni", il "vero punto critico è il Mar delle Filippine occidentali" date "tutte le si verificano queste scaramucce lì."[7] 

 

L'ambasciatore Romualdez ha espresso le sue preoccupazioni anche in un articolo, pubblicato sul media Philippine Star, in cui ha affermato: "Molti di noi credono che il vero punto critico sia il Mar delle Filippine occidentali. L'aggressione che affrontiamo oggi è molto reale perché la Cina non rinuncerà alle sue eccessive pretese nelle nostre acque territoriali. Con tutte le manovre pericolose che si stanno verificando, un grave incidente potrebbe spingere gli Stati Uniti o le Filippine a invocare il Trattato di Mutua Difesa – ed è per questo che dobbiamo solo sperare che ogni mattina, quando il presidente Xi si sveglierà, dirà: 'oggi non è il giorno adatto'."[8]

 

In risposta a queste osservazioni, il portavoce dell'ambasciata cinese nelle Filippine ha accusato l'ambasciatore Romualdez di fungere da "portavoce" degli Stati Uniti: "L'invio di forze esterne e la formazione di 'piccoli circoli' non aiuterà a risolvere le controversie nel Mar Cinese Meridionale, ma complicherà solo la situazione regionale, minare la pace e la stabilità regionale e ritorcersi contro la sua stessa sicurezza. Per coloro che abitualmente a parole, se le loro promesse verranno mantenute questa volta spetta a tutti aspettare e vedere. Esortiamo il suddetto individuo a smettere di diffondere notizie errate "Minaccia cinese" e "sinofobia", astenersi dal fungere da portavoce di un altro paese e fare invece di più per il bene del proprio popolo e delle relazioni del suo paese con la Cina."[9]

 

Lo stesso giorno, l'Ambasciata delle Filippine a Washington D.C. ha pubblicato un comunicato in risposta alle accuse della Cina affermando quanto segue:

 

"L'ambasciata filippina a Washington, D.C. respinge le recenti osservazioni fatte dall'ambasciata cinese a Manila riguardo all'ambasciatore Jose Manuel Romualdez.

 

"L'ambasciatore Jose Manuel Romualdez non è il portavoce di 'un altro paese' né sta diffondendo 'errate minacce alla Cina e commenti sinofobici'. Le sue dichiarazioni sugli sviluppi nel Mar Cinese Meridionale sono coerenti con la posizione espressa dai più alti funzionari del governo filippino, in particolare per quanto riguarda la minaccia rappresentata da azioni illegali, aggressive e provocatorie della guardia costiera cinese e della milizia marittima cinese contro navi e personale filippini e pescatori filippini, tra cui l’uso di laser, cannoni ad acqua e altre manovre pericolose in violazione delle normative marittime internazionali.

 

"Inoltre, confondere gli sforzi filippini per difendere i propri diritti territoriali e marittimi con il servizio degli interessi di un altro paese nega i diritti e gli interessi legittimi delle Filippine di proteggere e difendere la sovranità, i diritti sovrani e la giurisdizione della nostra nazione nel Mar delle Filippine occidentali e nelle Filippine. Il governo non lo sopporterà.

 

"Le Filippine mantengono costantemente il rispetto, il sostegno e l'impegno per un ordine internazionale basato su regole, in particolare la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) e il lodo arbitrale 2016, e continueranno a lavorare a stretto contatto con persone che la pensano allo stesso modo partner a questo riguardo.”[10]

 


Ambasciatore filippino negli Stati Uniti Jose Manuel "Babe" del Gallego Romualdez (Fonte: Philippine Star)

 

(Fonte: philippineembassy-dc.org)

 

Di seguito è riportato uno degli articoli più recenti dell'ambasciatore delle Filippine presso gli Stati Uniti Romualdez nel Philippine Star, che critica il comportamento aggressivo della Cina contro le navi filippine e le ambizioni egemoniche del PCC nel Mar Cinese Meridionale:[11]

 

Le azioni della Cina nel Mar delle Filippine occidentali sono “disgustose”

 

"Il recente incidente che ha coinvolto le navi della Guardia costiera cinese e una delle nostre navi da rifornimento è ancora un altro esempio del comportamento vergognoso, pericoloso e aggressivo che mostra la propensione della Cina al linguaggio ambiguo.

 

"Martedì 5 marzo 2024, la nave civile filippina Unaiza May 4 era in missione di rifornimento trasportando cibo, acqua e altre provviste per le truppe di stanza sulla BRP Sierra Madre ad Ayungin Shoal [la fatiscente nave da guerra che funge da avamposto della marina filippina ad Ayungin Shoal] [12] quando due navi CCG [della guardia costiera cinese] l'hanno colpita con cannoni ad acqua, mandando in frantumi le finestre e ferendo quattro membri dell'equipaggio, nonché il vice ammiraglio capo del comando occidentale Alberto Carlos, che ha riportato alcuni tagli e contusioni.

 

"Poco dopo, la Guardia costiera cinese ha inviato un gommone a scafo rigido che ha iniziato a girare intorno alla barca danneggiata, come per ostruire il percorso di un'imbarcazione inviata dalla Guardia costiera filippina per fornire assistenza medica al personale filippino ferito.

 

"Quest'ultimo incidente è solo una delle tante mosse aggravanti che aumentano la tensione nel Mar delle Filippine occidentali, con i filippini che ribollono per l'incessante bullismo e le molestie da parte della guardia costiera cinese e delle navi della milizia marittima che stanno deliberatamente conducendo manovre pericolose e provocatorie. Molti stanno scoprendo la loro voce nella dichiarazione del segretario alla Difesa Gilbert Teodoro, che ha descritto le azioni della Cina nel Mar delle Filippine occidentali come “decisamente incivili” – e, potrei aggiungere, disgustose.

 


 

Questa foto scattata il 5 marzo 2024 mostra una nave della Guardia costiera cinese che schiera un cannone ad acqua presso l'esercito filippino noleggiato a Unaizah il 4 maggio (C) durante la sua missione di rifornimento al Second Thomas Shoal nel conteso Mar Cinese Meridionale. Le Filippine hanno dichiarato il 5 marzo che le navi della Guardia costiera cinese hanno causato due collisioni con imbarcazioni filippine e ne hanno colpito una con i cannoni ad acqua, lasciando feriti quattro membri dell'equipaggio durante una missione di rifornimento nel Mar Cinese Meridionale. (Fonte: Stella filippina)


Questa fotografia aerea scattata da un aereo militare mostra la fatiscente nave Sierra Madre della Marina filippina ancorata vicino alla secca di Ayungin (Second Thomas Shoal) con soldati filippini a bordo per proteggere il perimetro nel gruppo di isole Spratly nel Mar Cinese Meridionale, a ovest di Palawan, l’11 maggio 2015. Le Spratly sono considerate un potenziale punto critico asiatico, e le nazioni ricorrenti, comprese le Filippine, hanno espresso allarme mentre la Cina ha intrapreso una massiccia attività di bonifica. (Fonte: philstar.com)

 

 

"La Cina ha lanciato la cosiddetta mappa nazionale standard che presenta una linea di 10 trattini"

 

"Le azioni ostili delle navi cinesi sono state testimoniate dai giornalisti dell'Associated Press a bordo della BRP Sindangan, che hanno catturato il momento in cui la nave della CCG ha colpito lateralmente la nave della Guardia costiera filippina in un 'momento di tensione e pericoloso.'

 

"Come al solito, la Cina ha fornito una versione dell'incidente totalmente diversa, sostenendo che erano le navi filippine a "entrare illegalmente" nell'Ayungin Shoal - che si trova ben all'interno della zona economica esclusiva delle Filippine - affermando che le azioni della Guardia costiera cinese erano "professionali, sobrie, ragionevoli e legittime” quando in realtà le azioni non provocate e le manovre pericolose delle navi cinesi hanno causato danni e messo in pericolo la vita del personale filippino, in palese violazione del diritto internazionale.

 

"Il segretario Teodoro ha criticato i 'meccanismi di propaganda... di Pechino... per giustificare i loro atti illegali contro le navi filippine con la loro cosiddetta 'indiscutibile' rivendicazione sulla maggior parte del Mar Cinese Meridionale e facendo di tutto per definire erroneamente le loro provocazioni come legittime ai sensi del diritto internazionale - un'affermazione cosa con cui nessuno stato al mondo che pensa bene sarebbe d'accordo, ha aggiunto.

 

"L'anno scorso, la Cina ha presentato la cosiddetta mappa nazionale standard che presenta una linea di 10 trattini - un trattino in più rispetto alla precedente linea di nove trattini - appena una settimana dopo che il presidente cinese Xi Jinping aveva affermato che 'l'egemonismo non è in vigore'. Il DNA della Cina” – che ha suscitato proteste tra nazioni tra cui India, Malesia, Vietnam e Filippine che hanno respinto questa affermazione radicale.

 

"E come ho sottolineato durante il mio discorso al Corpo consolare delle Filippine, nessuno sa veramente fino a che punto si spingerà la Cina nell'avanzare le sue rivendicazioni nel Mar Cinese Meridionale. Prima erano nove, oggi sono 10, poi 11 , 12? Come nazioni richiedenti, possiamo parlare delle nostre rivendicazioni contrastanti, ma non possiamo assolutamente permettere che un singolo paese rivendichi l'intera area.

 

"Nelle mie osservazioni durante il dialogo Track 2 recentemente concluso sulla cooperazione Quad Plus nell'Indo-Pacifico organizzato dal Center for New American Security, ho affermato che le Filippine hanno costantemente sostenuto che la disputa sul Mar Cinese Meridionale non è la somma delle nostre relazioni bilaterali con la Cina: siamo vicini con centinaia, se non migliaia, di anni di scambi tra i nostri due popoli.

 

"Dobbiamo quindi essere in grado di gestire il nostro conflitto senza ricorrere all'uso della forza. Tuttavia, le azioni della Cina da molti anni ormai - diventate più marcate di recente - hanno avuto effetti destabilizzanti nella regione e aumentato il rischio di uno scoppio di conflitto tra i ricorrenti.

 


 

(Fonte:X)

 

"Risponderemo con tutto ciò che abbiamo se un altro paese ci attacca"

 

"Siamo impegnati a promuovere la cooperazione in materia di difesa e sicurezza con partner che la pensano allo stesso modo, non per affrontare direttamente la Cina, ma per dissuadere il nostro vicino del Nord dall'intraprendere azioni di escalation che potrebbero potenzialmente inaugurare una terza guerra mondiale, segnando la fine del mondo.

 

"Ma anche se le Filippine rinunciano alla guerra come strumento di politica estera, ciò non significa che non ci difenderemo. Risponderemo con tutto ciò che abbiamo se un altro paese ci attacca. E mentre modernizziamo le nostre forze armate per raggiungere una obiettiva posizione di difesa credibile, ci consoliamo nella saggezza dei nostri leader del passato dopo la Seconda Guerra Mondiale – il Trattato di Mutua Difesa con gli Stati Uniti del 1951. Oggi, ci sono molte altre nazioni che condividono gli stessi valori e riconoscono che la nostra sovranità come nazione è indiscutibile.

 

"Abbiamo lavorato duramente per rafforzare le relazioni ed espandere la cooperazione con molti paesi in tutto il mondo. Abbiamo elevato le relazioni bilaterali con l'Australia a un partenariato strategico; abbiamo convocato la nostra quinta commissione congiunta Filippine-India sulla cooperazione bilaterale; abbiamo concordato di accelerare i negoziati su un accordo di accesso reciproco con il Giappone, con il quale godiamo di rapporti particolarmente solidi; e le nostre relazioni con gli Stati Uniti sono “iperdrive” con un grande potenziale per una maggiore cooperazione, soprattutto nella sfera economica, come si è visto nella missione presidenziale statunitense per il commercio e gli investimenti guidata dal segretario al Commercio Gina Raimondo.

 

"Invece di utilizzare le sue ingenti risorse per favorire la reciproca prosperità economica, è un peccato che un paese gigantesco come la Cina ricorra a comportamenti aggressivi per far valere le sue pretese eccessivamente espansive che hanno generato critiche da parte della comunità internazionale. Se c'è qualcuno che sta pagando a parole per il mantenimento della pace e della stabilità nella regione, è senza dubbio la Cina.

 

"Niente potrebbe descriverlo meglio di una riga: le azioni parlano più forte delle parole.”

 

_____________________ 

 

 

[1] Theprint.in/theprint-essential/what-is-nine-dash-line-the-basis-of-chinas-claim-to-sovereignty-over-south-china-sea/469403/, 28 luglio 2020 .

[2] Vedi MEMRI Daily Brief n. 538, La guerra silenziosa della Cina contro l’India, di Rudam Azad, 6 novembre 2023.

[3] Channelnewsasia.com/asia/china-new-map-territory-g20-asean-summit-india-malaysia-russia-indonesia-protest-3737366, 31 agosto 2023.

[4] Japan-forward.com/chinas-new-ten-dash-line-map-infuriates-asian-neighbors/, 5 settembre 2023.

[5] Philstar.com/headlines/2023/09/11/2295413/gibo-10-dash-line-shows-chinas-expansionist-policy, 11 settembre 2023.

[6] Philstar.com/the-freeman/opinion/2024/03/10/2339386/actions-speak-louder-words, 10 marzo 2024.

[7] Reuters.com/world/asia-pacific/chinas-embassy-condemns-philippine-envoys-remarks-south-china-sea-2024-03-03/, 3 marzo 2024.

[8] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 11191, Ambasciatore filippino negli Stati Uniti Romualdez: "L'aggressione che affrontiamo oggi è molto reale perché la Cina non rinuncerà alle sue rivendicazioni eccessive nelle nostre acque territoriali", 11 marzo 2024; Philstar.com/opinion/2024/03/03/2337635/australia-important-and-critical-ally, 3 marzo 2024.

[9] Ph.china-embassy.gov.cn/eng/sgfyrbt/202403/t20240303_11253086.htm, 3 marzo 2024.

[10] Philippineembassy-dc.org/statement-on-the-chinese-embassys-remarks-concerning-philippine-ambassador-to-the-united-states-jose-manuel-romualdez/, 3 marzo 2024.

[11] Philstar.com/opinion/2024/03/10/2339386/actions-speak-louder-words, 10 marzo 2024.

[12] Rappler.com/philippines/video-how-brp-sierrra-madre-ended-up-ayungin-shoal/, 1 novembre 2023.

 

(da MEMRI Middle East Media Research Institute)

 

L'ambasciatore filippino Romualdez: ‘La Cina non rinuncerà con l’aggressione alle sue pretese eccessive nelle nostre acque territoriali’ 

 

(foto di copertina Fonte: Japan Forward)

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie