Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

27/02/24 ore

Israele. C’è chi aveva previsto (31 agosto 2023)… ‘Segni di possibile guerra nel periodo settembre-ottobre’



di Yigal Carmon

(da Memri)

 

La guerra scatenata da Hamas e dalla Jihad islamica palestinese che sta facendo centinaia di morti era un evento che alcuni analisti politici aveva segnalato già alla fine del mese di agosto.

 

 

Di seguito l’intervento di Yigal Carmon presidente e fondatore di MEMRI del 31 agosto 2023 proprio sul sito del Middle East Media Research Institute.

 

**********

 

Negli ultimi tempi si sono moltiplicati i segnali che una guerra contro Israele potrebbe scoppiare nel settembre o nell’ottobre del 2023. La causa scatenante potrebbe essere una spirale di scontri violenti che provocherebbero molte vittime, o l’uso di nuove armi che provocherebbero molte vittime da parte israeliana, di fronte di cui Israele non sarà in grado di bastare con le sue regolari misure antiterrorismo.[1] 

 

Sebbene né Hamas né Hezbollah siano ansiosi di avviare uno scontro globale con Israele,[2] tale confronto potrebbe derivare da un deterioramento incontrollato sul terreno[3] o dall’uso di armi nuove e insolitamente letali da parte di questi movimenti.

 

I seguenti sono alcuni dei fattori che indicano la possibilità che scoppi una guerra nei prossimi mesi:

 

1. Crescenti provocazioni da parte di Hezbollah al confine settentrionale di Israele

 

Negli ultimi mesi Hezbollah ha ripetutamente istigato provocazioni sempre più audaci al confine. Queste includevano l'installazione di tende nell'area di Har Dov, all'interno del territorio israeliano;[4]   lo smantellamento delle telecamere di sorveglianza lungo la recinzione di confine vicino alla Porta di Fatima,[5] e il lancio di un missile anticarro su Israele.[6] Inoltre, Hezbollah, che non riconosce la Linea Blu come confine internazionale tra Libano e Israele, ha recentemente avanzato una nuova rivendicazione territoriale, chiedendo che Israele conceda al Libano la sovranità sul tunnel ferroviario settentrionale di Rosh Hanikra, anch'esso in territorio israeliano.[7] Allo stesso tempo, si chiede anche di limitare la libertà d'azione dell'UNIFIL nel sud del Libano. [8]

 

2. Adozione di metodi di lotta a Gaza da parte delle organizzazioni terroristiche islamiche in Cisgiordania, come il lancio di razzi e lo scavo di tunnel di comando e controllo

 

Le organizzazioni terroristiche palestinesi, in particolare Hamas e la Jihad islamica palestinese (PIJ), cercano di cambiare la modalità operativa contro Israele in Cisgiordania duplicando i metodi di combattimento utilizzati dai terroristi a Gaza.[9] Ciò si manifesta nel lancio di razzi dalla Cisgiordania verso Israele, nello scavo di “tunnel di comando e controllo” in Cisgiordania (anche se, per ora, non nei tunnel che infiltrano località israeliane), e nella cooperazione militare tra diversi gruppi terroristici. organizzazioni, seguendo l’esempio della Joint War Room di Gaza. C'è stato anche un aumento degli sforzi da parte dell'Iran e di Hezbollah per contrabbandare armi in Cisgiordania, in modo simile al contrabbando di armi a Gaza.[10] Il segretario generale del PIJ Ziad Al-Nakhaleh ha affermato che, durante il suo incontro del giugno 2023 con il leader iraniano Ali Khamenei, quest'ultimo aveva "ribadito [la necessità di] sviluppare l'armamento della Cisgiordania e la resistenza lì". Nakhaleh ha aggiunto: "Noi, come palestinesi e come forze e movimenti di resistenza, comprendiamo l'importanza di armare la Cisgiordania, ma ciò richiede sforzi da parte degli stessi palestinesi, e anche l'assistenza dei nostri fratelli nella Repubblica islamica dell'Iran."[11]

 

3. Possibilità di scontri ad Al-Aqsa durante le festività ebraiche a settembre, che potrebbero scatenare violenza anche fuori Gerusalemme

 

Durante le festività ebraiche di settembre e ottobre, è probabile che gli ebrei visitino il complesso di Al-Aqsa, come accade ogni anno. I portavoce di Hamas e Hezbollah hanno sottolineato che ciò potrebbe portare ad una guerra regionale. Saleh Al-'Arouri, vicepresidente dell'Ufficio politico di Hamas e capo dell'ala militare del movimento in Cisgiordania, ha dichiarato in un'intervista al canale Al-Mayadeen: "Ci sono alcuni nel governo [israeliano] che stanno contemplando misure come prendere il controllo e dividere la moschea di Al-Aqsa, e compiere omicidi." Queste persone, ha aggiunto, "sanno che ciò potrebbe portare a una guerra regionale". Ha ricordato le dichiarazioni del segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah secondo cui "qualsiasi attacco alla moschea di Al-Aqsa o a Gerusalemme scatenerà una guerra regionale". [12]

 

4. Aumento delle minacce di guerra regionale globale

 

I leader delle organizzazioni terroristiche hanno recentemente aumentato le loro minacce di una guerra regionale globale,[13] in risposta alle minacce israeliane di assassinare gli agenti terroristici e coloro che li mandano, incluso il leader di Hamas Saleh 'Arouri. In un'intervista al canale Al-Mayadeen, quest'ultimo ha minacciato di intensificare il confronto con Israele fino al punto di una guerra globale: "Ci stiamo preparando per una guerra globale e ne stiamo discutendo a porte chiuse con tutti gli elementi e le componenti [del asse della resistenza] che sono collegati a questa guerra." Ha aggiunto che l'asse della resistenza ha "la presenza, la motivazione e il desiderio che scoppi una guerra regionale, e ha un interesse in questo."[14]

 

In questo contesto, i capi dell'asse della resistenza hanno tenuto una serie di incontri in Libano.[15] Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian ha incontrato a Beirut il segretario generale del PIJ Al-Nakhaleh, il funzionario di Hamas Al-'Arouri e altri alti funzionari del PIJ e di Hamas. Nell'incontro Abdollahian ha sottolineato le dichiarazioni della Guida Suprema Khamenei sulla necessità di "aiutare la Cisgiordania" e sul "costante [impegno] dell'Iran ad assistere la resistenza con tutte le sue forze."[16]  Ha aggiunto che "la creazione della La sala [di guerra] congiunta Hamas-PIJ riflette una mossa intelligente da parte della resistenza."[17]

 

 

 

Abdollahian ha incontrato anche il segretario generale di Hezbollah Nasrallah,[18] che ha poi incontrato Al-'Arouri e Al-Nakhaleh per "fare una valutazione congiunta della situazione in Cisgiordania, dell'escalation dell'attività di resistenza e delle ultime minacce israeliane ." I partecipanti a questo incontro hanno sottolineato "la fermezza e la fermezza di tutte le forze dell'asse della resistenza nella lotta contro il nemico sionista" e l'importanza del coordinamento tra i "movimenti di resistenza" in Palestina e Libano.[19]

 

5. Possibilità di un aumento senza precedenti del numero di vittime israeliane a seguito dell’uso di nuove armi mortali, costringendo Israele a rispondere anche a costo di una guerra globale

 

Recentemente sono aumentate le notizie sul potenziale uso di nuove armi da parte di Hezbollah, Hamas e PIJ che possono causare un gran numero di vittime israeliane, come cariche esplosive extra potenti e razzi lanciati su località israeliane, come menzionato sopra. In questa situazione, Israele sarà probabilmente costretto a intraprendere una risposta su larga scala, al di là delle sue misure antiterrorismo di routine, anche a costo di una guerra totale.[20]

 

Recentemente è stato riferito che Israele aveva sventato un tentativo di introdurre clandestinamente in Cisgiordania, attraverso la Giordania, potenti ordigni esplosivi fabbricati in Iran che diffondevano grandi quantità di schegge mortali. L'uso di tali ordigni esplosivi minaccia seriamente le truppe israeliane che operano in Cisgiordania e può provocare numerose vittime. Il giornalista 'Abd Al-Bari 'Atwan, direttore del quotidiano arabo online Al-Rai Al-Yawm, ha scritto in un articolo che "nei prossimi giorni e settimane vedranno i combattenti della resistenza in Cisgiordania ricevere armi avanzate, fornite da un certo numero di paesi e organizzazioni, compresi i missili anticarro Kornet."[21]

 

* Yigal Carmon è il presidente e fondatore di MEMRI

 

 

********************

 

 

[1] A prima vista, un gran numero di vittime israeliane non sarà una novità, ma riteniamo che, nelle circostanze attuali, Israele intraprenderà una risposta globale senza precedenti, anche a costo di una guerra globale con l’Iran, che sta attivando le organizzazioni della resistenza islamica sul campo.

[2] Ricordiamo che entrambi i movimenti sono coinvolti in una certa misura nelle iniziative regionali sul gas naturale che saranno indebolite da un grande confronto.

[3]  Tale perdita di controllo, da parte di Hezbollah, si è verificata nel 2006 e ha portato allo scoppio della guerra del Libano del 2006. Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, lo ha ammesso in un'intervista alla TV Al-Jadid, nella quale ha affermato che, se avesse saputo che il rapimento dei soldati israeliani il 12 luglio 2006 avrebbe portato a una guerra di tale portata, avrebbe non lo avrei mai fatto. Nasrallah ha aggiunto che un altro incidente accaduto più tardi - un carro armato israeliano è entrato nel territorio libanese ed è stato distrutto da una carica esplosiva del peso di centinaia di chilogrammi - ha complicato ulteriormente la situazione e ha portato alla morte di altri soldati israeliani che Hezbollah non aveva intenzione di uccidere. Al-Jadid TV, Libano, 27 agosto 2006). Per alcune delle dichiarazioni di Nasrallah in questa intervista, vedere MEMRI TV Clip n. 10459, Segretario generale di Hezbollah Hassan Nasrallah, immediatamente dopo la seconda guerra del Libano del 2006: non avremmo mai catturato i due soldati israeliani se avessimo saputo che ciò avrebbe portato alla guerra (Archivio) , 27 agosto 2006.

[4] Al-Akhbar (Libano), 1 giugno 2023.

[5]  Twitter.com/alishoeib1970, 14 luglio 2023.

[6] Secondo il quotidiano libanese online Al-Mudun, il razzo è stato lanciato dal "Libano" (cioè Hezbollah) per protestare contro l'"annessione" da parte di Israele del villaggio di Ghajar, a cavallo del confine tra Israele e Libano. Il quotidiano sottolinea che il lancio del razzo è stato deliberatamente programmato per coincidere con la dichiarazione rilasciata da Hezbollah sull'argomento. (almodon.com, almanar.com.lb, 6 luglio 2023).

[7] Al-Akhbar (Libano), 16 luglio 2023.

[8] Si vedano, ad esempio, le osservazioni di Ahmad Qabalan, un religioso sciita vicino a Hezbollah, che ha recentemente affermato che "non c'è spazio per forze internazionali di qualsiasi tipo che vadano a scapito della sovranità del Libano... Non saremo d'accordo a qualsiasi alternativa alla formula nazionale di difesa della patria... Il tempo della violazione del territorio libanese è passato, e ciò che accade nel Consiglio di Sicurezza [dell'ONU] non ci interessa" (almanar.com.lb, 28 agosto 2023).

[9] Vedi Inchiesta e analisi MEMRI n. 1707 – Le organizzazioni terroristiche palestinesi stanno duplicando i metodi di combattimento della Striscia di Gaza in Cisgiordania, 8 agosto 2023

[10] Va notato che gli sforzi di armamento in Cisgiordania sono energicamente assistiti dalla Repubblica islamica dell’Iran e su ordine del leader supremo iraniano Ali Khamenei. Khamenei ha emesso questi ordini dieci anni fa e i successivi comandanti del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana hanno dichiarato più volte che stavano attuando tali ordini. I leader di Hamas e del PIJ ringraziano regolarmente pubblicamente l’Iran per il suo aiuto militare alle loro organizzazioni, anche all’interno della Cisgiordania. A questo proposito si vedano i rapporti del MEMRI: Inchiesta e analisi n. 1107, Qods Day In Iran: Teheran chiede l'annientamento di Israele e l'armamento della Cisgiordania, 25 luglio 2014; Dispaccio speciale n. 10721 - Il segretario generale della Jihad islamica palestinese (PIJ) Ziad Al-Nakhaleh in interviste con i media iraniani: Produciamo armi grazie agli aiuti forniti dall'Iran e cerchiamo di armare tutte le città della Cisgiordania; Nessun ebreo in nessuna parte del mondo vive in pericolo maggiore degli ebrei in Palestina – 24 luglio 2023; Dispaccio speciale n. 10124 - Visita a Teheran alla vigilia del conflitto Gaza-Israele, il leader della Jihad islamica palestinese (PIJ) Nakhaleh e i capi del regime iraniano elogiano il sostegno dell'Iran al PIJ; Il comandante della forza Qods dell'IRGC Qa'ani: "I combattenti palestinesi sono nella fase di pianificazione per sferrare i colpi finali contro il corpo in decomposizione del regime sionista, quando sarà il momento giusto" - 8 agosto 2022; Dispaccio speciale n. 9946 - In occasione della Giornata internazionale Qods, istituita dal regime iraniano, Hamas, la Jihad islamica palestinese, Hezbollah e altri alleati dell'Iran chiedono la Jihad contro Israele e minacciano la guerra regionale - 4 maggio 2022; Dispaccio speciale n. 9717 – Nel secondo anniversario dell'uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani, Hamas e la Jihad islamica palestinese continuano a lodarlo; Polemica a Gaza sui cartelloni pubblicitari che lo commemorano – 10 gennaio 2022; Serie di indagini e analisi n. 1588 - Distruzione di Israele con la spada o con un referendum - Parte II: Alti funzionari del regime iraniano collegano l'Iran al conflitto di Gaza del maggio 2021, sollecitano Hamas e la Jihad islamica palestinese a continuare la loro lotta contro Israele - 22 luglio 2021; Dispaccio speciale n. 9123 - In occasione dell'anniversario dell'uccisione del comandante della forza Qods dell'IRGC Qassem Soleimani, Hamas continua a segnalare lealtà all'Iran, all'Asse della Resistenza - 5 gennaio 2021.

[11] Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 10721 - Il segretario generale della Jihad islamica palestinese (PIJ) Ziad Al-Nakhaleh nelle interviste con i media iraniani: Produciamo armi grazie agli aiuti forniti dall'Iran e cerchiamo di armare tutte le città della Cisgiordania; Nessun ebreo in nessuna parte del mondo vive in pericolo maggiore degli ebrei in Palestina – 24 luglio 2023.

[12] Almayadeen.net, 25 agosto 2023.

[13] Queste minacce di guerra regionale si uniscono alla retorica che le fazioni della resistenza palestinese hanno da tempo espresso riguardo alla creazione di un equilibrio tra terrore e deterrenza nei confronti di Israele e all’unificazione dei fronti della resistenza in qualsiasi futuro confronto con Israele. Vedi ad es. MEMRI TV Clip della dichiarazione del segretario generale del PIJ Al-Nakhaleh nell'aprile 2023; vedere anche Dispaccio speciale MEMRI n. 10562 - Rapporti dei media libanesi: la sera prima dell'attacco missilistico contro Israele del 6 aprile 2023, il comandante della forza iraniana Qods Esmail Qaani ha visitato il Libano e ha incontrato funzionari di Hezbollah, Hamas e Jihad islamica palestinese - 13 aprile , 2023. Va notato che queste dichiarazioni dei leader delle organizzazioni palestinesi su una possibile guerra globale non fanno alcun riferimento alla risposta attesa da Israele.

[14] È in corso anche uno scambio di minacce tra Israele e Hezbollah. In risposta alla dichiarazione del ministro della Difesa israeliano Galant secondo cui "se Hezbollah inizia una guerra rispediremo il Libano all'età della pietra" (ynet.co.il, 8 agosto 2023), Nasrallah ha detto: "Anche tu tornerai indietro all’età della pietra se si inizia una guerra contro il Libano” (alahednews.com.lb, 14 agosto 2023). In un discorso del 25 maggio 2023, Nasrallah ha detto in risposta alle minacce del primo ministro israeliano Netanyahu: "Non siete voi a minacciare una guerra su larga scala. Siamo noi che vi minacciamo con una guerra del genere. Qualsiasi guerra su larga scala includerà tutti i confini e centinaia di migliaia di combattenti vi parteciperanno" (Va notato che le organizzazioni di resistenza non hanno un tale numero di combattenti) (alahednews.com.lb, 25 maggio 2023).

[15] Va detto che anche i funzionari dell’asse della resistenza si sono incontrati poco prima di un incidente del 6 aprile 2023 in cui dozzine di razzi furono lanciati dal Libano verso Israele. In quell'incontro – tra il comandante della Forza Qods dell'IRGC iraniano, Esmail Qaani, e i capi di Hezbollah, Hamas, PIJ e altre milizie appoggiate dall'Iran – i partecipanti avrebbero deciso l'attacco missilistico. Vedi il messaggio speciale MEMRI n. 10562 - Rapporti dei media libanesi: la sera prima dell'attacco missilistico contro Israele del 6 aprile 2023, il comandante della forza iraniana Qods Esmail Qaani ha visitato il Libano e ha incontrato funzionari di Hezbollah, Hamas e Jihad islamica palestinese – il 13 aprile. 2023.

[16] Almayadeen.net, 31 agosto 2023.

[17] IRNA (Iran), 1 settembre 2023.

[18] Almanar.com.lb, 2 settembre 2023.

[19] Un servizio trasmesso dalla TV Al-Manar di Hezbollah ha sottolineato che l'immagine "iconica" di questi leader insieme ha trasmesso un messaggio chiaro a Israele, vale a dire che le componenti della resistenza sono unite nella lotta contro il nemico israeliano, soprattutto alla luce della situazione le minacce di assassinio (Almanar.com.lb, 2 settembre 2023).

[20] In questo contesto va ricordato che le organizzazioni di resistenza islamista hanno sempre la possibilità di rinnovare gli attentati suicidi in luoghi affollati come autobus e ristoranti. Tali attacchi non sono una novità, ma costringeranno comunque Israele a rispondere con misure che non fanno parte della sua regolare politica antiterrorismo.

[21] Raialyoum.com, 25 agosto 2023

 

 

(da MEMRI The Middle East Media Research Institute)

 

° foto Il Tempo

° foto Nasrallah (al centro) con Al-'Arouri (a destra) e Al-Nakhaleh (Immagine: almanar.com.lb, hamas.ps, jehad.ps, 2 settembre 2023)

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie