Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

18/06/24 ore

Cina in difficoltà, Italia e Europa. Conversazione di Francesco Sisci con Giuseppe Rippa



La notizia che il nuovo ministro degli Esteri della Cina, Qin Gang, ex ambasciatore negli Usa, nel momento in cui lasciava il suo incarico a Washington per assumere in patria il nuovo incarico, abbia pronunciato parole di simpatia per gli americani ha avuto un effetto immediato alla Borsa cinese con i titoli tecnologici che hanno fatto un salto in avanti.  Sta cambiando qualcosa nella politica cinese? Cambierà qualcosa nei rapporti tra Usa e Cina -.

 

Sul Correre della Sera del 5 gennaio Guido Santavecchi affermava che a Pechino sono convinti che Putin è un pazzo… Questa potrebbe far supporre che l’asse cino-russo, al di la delle parole ufficiali, non è poi così solido e che la Cina, attraversata da una profonda difficoltà non solo sanitaria per il Covid (si parla di 900 milioni di contagiati), ma anche dai riflessi economici che hanno comportato per il Drago una flessione del Pil, con tutte le conseguenze su quella crescita che sembrava irreversibile, proprio a causa delle conseguenze dell’aggressione della Russia all’Ucraina, abbia un crescente scetticismo sulla confusa strategia di Putin. 

 

Partendo da questo, anche per verificarne la fondatezza della interpretazione e valutare se i fattori, già emersi nel congresso di partito comunista cinese con la rielezione di Xi Jinping, di una incrinatura della crescita ininterrotta della Cina stia vivendo un momento di difficoltà, Agenzia Radicale ne parla con il prof. Francesco Sisci, che ha insegnato per più di un ventennio presso l’Istituto di Studi Europei all’Università del Popolo della Cina ed è stato direttore dell’Istituto di cultura Italiano a Pechino, nella conversazione che segue con Giuseppe Rippa.

 

L’analisi che è emersa ha ovviamente finito per allargare una lettura sui riflessi per l’Italia e l’Europa di quello che sta accadendo, con la sottolineatura che Sisci fa dell’assenza di adeguata attenzione che il nostro Paese fa di quello che succede nel mondo e sulle conseguenze che gli avvenimenti hanno sulla nostra realtà, in mancanza anche di una consapevolezza che l’Italia non riesce a definire per quello che è e vuole essere nel mondo…

 


 

- Cina in difficoltà, Italia e Europa. Conversazione di Francesco Sisci con Giuseppe Rippa

(Agenzia Radicale Video)

 

 


Aggiungi commento