Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17/06/24 ore

L'Iran continua le impiccagioni, ma compie omicidi anche in carcere



Proseguono le tremende impiccagioni in Iran. Secondo una dichiarazione della magistratura del paese sono stati uccisi altri due uomini identificati come Mohammad Mahdi Karami e Seyyed Mohammad Hossein.

 

Sono stati impiccati, ha detto la magistratura, per aver ucciso un funzionario paramilitare durante le proteste a livello nazionale in seguito alla morte di una giovane donna che era stata detenuta per aver indossato il velo in modo improprio.

 

È quanto riporta il sito voanews, che ricorda come le  impiccagioni di sabato portano a quattro il numero dei manifestanti giustiziati dall'inizio delle proteste a settembre.

 

Le notizie che ci giungono dal Kurdistan iraniano, direttamente dal partito liberale di quella regione, descrivono uno scenario ancora più inquietante

 

Si parla di altre tre uccisioni di giovani curdi avvenute in carcere e di come il regime della Repubblica islamica prosegua la propria azione massacratrice nei confronti delle minoranze etniche (i curdi in particolare) oltre che delle coraggiose donne iraniane, compiendo una serie sempre più inquietante di omicidi direttamente in carcere.

 


 

 

 


Aggiungi commento