Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

04/12/21 ore

Riflessioni sulla tregua tra Hamas e Israele. Conversazione tra Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa



Quella tra Hamas e Israele è una tregua che è realizzata in un equilibrio precario. Dopo 11 giorni le pressioni internazionali, in ultimo soprattutto dal presidente americano Biden, hanno spinto ad accettare la mediazione egiziana. Quali sono le prossime mosse non è chiaro, soprattuto considerando che alcuni fatti emergono in modo evidente: Hamas si proclama il vincitore di questa guerra, Netanyahu afferma che l’obiettivo di mettere in ginocchio il gruppo armato di Hamas è stato raggiunto.

 

Non si capisce in quale prospettiva considerando che in ogni caso Hamas, nello scontro interno ai palestinesi ha preso l’egemonia e la comunità internazionale sembra, inquietantemente, dare al gruppo terroristico la funzione di unico interlocutore, così come lo stesso gruppo cercava.

 

Questo al di là della “reinvenzione” che si cerca di fare del presidente dell’Autorità palestinese Abu Mazen  in Cisgiordania, oramai del tutto privo di significanza politica, provando con questo  a inventare una rappresentanza che è del tutto evanescente… E poi Iran, lo stato “amico” del gruppo terroristico, la Turchia, il Qatar che sembrano ottenere gli scopi terribili che si propongono…

 

Sulla tregua e sulle prospettive future in quell’area discutono Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa.

 

- Riflessioni sulla tregua tra Hamas e Israele. Conversazione tra Anna Mahjar-Barducci e Giuseppe Rippa

(Agenzia Radicale Video)

 

 

 


Aggiungi commento