Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

26/09/20 ore

Stato-Mafia, Napolitano e le intercettazioni da 'distruggere'


  • Silvio Pergameno

 E così presso la Corte costituzionale il Presidente della Repubblica ha avuto partita vinta nella faccenda delle intercettazioni in cui era stato indirettamente e involontariamente coinvolto nel corso delle indagini della Procura di Palermo sui rapporti stato-mafia, per una conversazione poi finita di pubblico dominio.

 

Nella mia personale convinzione che le intercettazioni siano uno strumento da usare sempre con estrema cautela (nei confronti di tutti i cittadini perché le vie dell’inferno sono sempre lastricate di buone intenzioni, in particolare poi quando in gioco vengono i rapporti tra poteri dello stato) resto comunque dell’idea che i commenti alle sentenze si debbano formulare dopo averle lette.

 

Pur tuttavia mi aveva colpito sin dall’inizio una specie di contraddizione che era insita, a mio modesto avviso, nel comportamento degli inquirenti, quando ritenevano che le bobine registrate dovessero essere sì distrutte (almeno nelle parti oggetto delle contestazioni, si ritiene), peraltro solo dopo un pubblico confronto tra accusa e difesa.

 

E le mie perplessità erano dovute non a considerazioni di ordine giuridico, ma a una constatazione di mero fatto. Già, perché la distruzione dopo un pubblico confronto diventava inutile, in quanto le ragioni dell’eliminazione risultavano, in concreto, già vanificate.


Commenti   

 
0 #2 franco 2012-12-06 13:52
6 12 2012 - ANNO II ERA MASSON BOLSCEVICA

SOLO LA CONOSCENZA DELLA VERITà PUò RISCATTARCI DA QUESTI DEMONI BURATTINAI E LORO SERVI PAPPONI BURATTINI!

IL BOIARDO DELLA KASTA DEI PAPPONI POTEVA BEN RISPARMIARE A NOI SVENTURATI SUDDITTI IL FLAGELLO DI QUESTO SUO GOVERNO FANTOCCIO DI SICARI DELLE MAFIE SIONISTE MASSONICHE CHE HANNO SOLTANTO DEPAUPERATO E DEPREDATO IL PAESE A SOLO VANTAGGIO DI DETTE MAFIE E X PROSEGUIRE PRIVILEGI E PREBENDE AI PARTITI CANAGLIA COMPLICI: IL PREZZO DEL LORO TRADIMENTO!
QUALSIASI TROTA DEX...ZA O ZOMBIE SNIX...ZO, DI CERTO NON POTEVA FARE MAGGIOR DANNO O PEGGIO DI QUESTI ESIMI BOCCONIANI DELLA MINCHIA: SICARI CHE SONO /SONO STATI AL SOLDO DELLA G. SASHC, LA MAMMASANTISSIMA DI RIFERIMENTO DELLE SUDDETTA CUPOLA, AL CUI CONFRONTO LE MAFIETTE NOSTRANE SONO POCO + DI CIRCOLI PARROCCHIALI!
A TANTO IMMONDO PUTRIDUME ISTITUZIONAL-PARTITOKRATIKO:
DUCE RISORGI! CHE TI PERDONIAMMO!!!
Citazione
 
 
0 #1 franco 2012-12-06 13:33
6 12 2012 - ANNO II ERA MASSON BOLSCEVICA

IL REGIME AVANZA E SI CONSOLIDA!
LA DISCRIMINANTE ITALIOTA "FRA CHI NON
POTEVA SAPERE" E "FRA CHI NON POTEVA N O N SAPERE" INIZIATO DA QUALCHE CELLULA MANI PULITE HA FATTO SCUOLA!
E' VERAMENTE ESILARANTE LA CAGNARA CHE VENIVA MONTATA SULLE INTERCETTAZIONI DEL BERLUSCA, IN GENERE RIGUARDANTI DELLE SOTTANE E DI CERTO - INQUIETANTI!
ALMENO DURANTE IL PRECEDENTE REGIME, LE CORRISPONDENTI TOGHE NERE ERANO ALLORA SEPARATE NEI "TRIBUNALI SPECIALI"
SALVAGUARDANDO COSì PRESTIGIO E DIGNITA' DELLA MAGISTRATURA!
LE INTIMIDAZIONI E PERSECUZIONI CONTRO LE POCHE VOCI ANCORA LIBERE, NON SOFFOCANO LE PERPLESSITA' DI SEMPRE + SUDDITI SU EQUITA' DI QUESTO PAESE; D'ALTRA PARTE C'E' BEN POCO DA SPERARE IN UN CUPO REGIME DI POLIZIA FISCALE MASSON BOLSCEVICO RETTO DA SICARI DELLE MAFIE SIONISTE MASSONICHE E RESIDUATI RICICLATI VETERO KOMUNISTI CON LA COMPLICITà DEI PARTITI CANAGLIA!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna