Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

23/11/17 ore

L'abusivismo “italizio”


  • Antonio Marulo

In genere non si fa attendere molto. Basta pazientare poco, prima che l'immancabile quanto sterile denuncia contro ignoti, con l'ipotesi di reato per disastro colposo e omicidio colposo plurimo, chiuda il cerchio della polemica sui danni seguiti alle calamità naturali. Nella fattispecie ultima ci sta lavorando la Procura di Napoli, per valutare se sia il caso di aprire un'inchiesta a proposito del terremoto nell'Isola d'Ischia.

 

La parolaccia chiave è abusivismo, seguita da incuria, dissesto idrogeologico, materiali di costruzione scadenti... Insomma, si cerca la mano maldestra dell'uomo che ci mette sempre il suo a ogni sisma, di qualunque intensità esso sia. Anche perché in Italia i terremoti non si misurano in magnitudo ma in base ai crolli, come ci insegnava il buon Mercalli, la cui scala è andata però in disuso perché paese che vai terremoto che trovi, tant'è che il 4.0 Richter a Casamicciola è pari più o meno al sesto/settimo ad Amatrice, di cui proprio in questi giorni ricorre il triste anniversario.

 

In quell'occasione si dissero cose simili a quelle che ascoltiamo in questi giorni, che poi erano a loro volta le stesse del dopo-L'Aquila, che furono le stesse di Perugia e Assisi... e così via andando a ritroso fra i paesi dell'Italia terremotata, a conferma dell'immobilismo che contraddistingue una nazione incapace di far tesoro degli errori passati, dove tutti a parole e a caldo sono pronti a farsi paladini delle migliori cause, mentre nei fatti ci si rimpalla soltanto le responsabilità con reciproche accuse, aspettando il prossimo disastro.

 

Così, nella "terra dei cachi" dove tutto è abusivo – come canzonavano Elio e le storie tese –, si abusa di tutto, anche della parola e della credulità popolare, arrivando a difendere, se è il caso, tutto e il contrario di tutto: il territorio, l'ambiente e la legalità, ma poi – attenzione - c'è il diritto inviolabile alla casa. I 5Stelle lo hanno chiamato abusivismo di necessità. Sì, la necessità di raccattare ovunque voti.

 

 


Commenti   

 
0 #4 Smithb184 2017-10-03 00:11
You made some really good points there. I checked on the internet for additional information about the issue and found most people will go along with your views on this site. bfdkeffadfkkkgb d
Citazione
 
 
0 #3 Smithe990 2017-10-03 00:10
certainly like your website however you have to check the spelling on several of your posts. Many of them are rife with spelling problems and I to find it very troublesome to inform the truth nevertheless I will surely come back again. ffbbfkadcgeedff d
Citazione
 
 
0 #2 ilSocialista 2017-08-23 23:21
molto meglio una casa crollata ma comunque costata poco e vissuta intensamente che una anonima e claustrofobica casa puntellata; è una orgogliosa sfida al destino, un guardare la forza della natura dritto negli occhi che può solo dare vigore morale; un urlo del Superuomo Nichiano; mica siamo quella banale razza di anonimi allineati cacasotto dei californiani.
Citazione
 
 
0 #1 ilSocialista 2017-08-23 23:20
chiunque venga in Italia dall'estero nota il pittoresco caos antropologico che è parte consistente del viaggio e che naturalmente si rispecchia nell'assetto urbanistico; il trionfo dell'individuo sulle grigie regole sociali; inutile imporre ai napoletani le metodiche e noiose esercitazioni antisismiche che si fanno in Giappone verrebbero viste come una forma di suicidio preventivo, un morbo morale non sostenibile, una autoflagellazio ne spirituale, un oltraggio alla libertà ed al senso del buon vivere; molto meglio una romantica morte estemporanea e casuale fra le macerie perchè poi, mal comune mezzo gaudio; come si dice a Roma "a chi tocca non si ingrugna";
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna