Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

28/01/23 ore

Poletti, il gaffeur di professione e gli indignati di regime


  • Antonio Marulo

Alla fine il ministro del Lavoro Poletti passerà probabilmente alla storia politica solo per le sue parole, dette in modo maldestro e casereccio, e non per quanto fatto (spesso male) o non fatto.

 

Dopo le uscite sulla fuga dei cervelli non tutti di pregio (e in effetti…) e sulle lauree inutili se conseguite a 28 anni, seppur col pieno dei voti (come dargli torto), nellultima presunta gaffe - che sottendeva una presa d’atto del sacrosanto stato dell’arte - ha toccano, con una "metafora" sullo sport nazionale, lo spinoso tema giovani-lavoro, che “è prima di tutto un rapporto di fiducia". Per questo, "lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro dei curriculum".

 

La frase, articolata in un discorso più ampio e complesso sull’importanza delle relazioni sociali per trovare un impiego, è stata grossolanamente sintetizzata e stravolta più o meno in “giovani, non inviate i curriculum, meglio giocare a calcetto!”. Ne è seguita la consueta polemica sterile sui social-media e poi tra i palazzi della politica. In prima linea nello scagliarsi strumentalmente contro Poletti sono stati, guarda caso, i grillini sul web e i leghisti in Parlamento.

 

C’è chi ha ironizzato, chi ha invocato le dimissioni, chi gli ha chiesto le pubbliche scuse; in questo modo, dandogli involontariamente il merito di aver ancora una volta rivelato, con le sue verità inopportune, la tipica ipocrisia italiana da indignati di regime.

 

 


Aggiungi commento