Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/08/22 ore

Peer Steinbrück, la crisi italiana e la paura tedesca


  • Silvio Pergameno

 

 

Candidato per il partito socialdemocratico alle elezioni tedesche nel prossimo autunno, Peer Steinbrück notoriamente condivide i giudizi poco lusinghieri sul nostro paese, così diffusi nel suo; e specialmente dalle parti dell’altro grande partito dello schieramento politico germanico.

 

Evitando di imbarcarci in disquisizioni filologiche, come accade di regola in questi casi 'internazionali', non vogliamo, comunque, perdere tempo su quello che può essere stato un accesso di collera per la disavventura occorsa al suo collega italiano (anche se avversario della socialdemocrazia, ma comunque, piaccia o non piaccia, il maggior esponente della sinistra italiana); e poi uno scatto di nervi deve essere capito e perdonato dalla parte offesa (si fa per dire).

 

“Voce dal sen fuggita, più richiamar non vale” tuttavia, e il lapsus in cui l’alto esponente dell’SPD è incorso merita qualche considerazione in più, proprio perché, al di là delle parole sconvenienti, essa è chiara espressione di un sottofondo politico tutt’altro che trascurabile.

 

Steinbrück (ci scusi il tono forse un po’ troppo confidenziale con il quale ci permettiamo di chiamarlo in causa) prima di tutto ha capito subito che Bersani non aveva vinto le elezioni, in quanto, a suo avviso, i vincitori sono stati Berlusconi e Grillo, brutto segno per una formazione politica analoga chiamata alle urne tra pochi mesi.

 

Ma ciò che colpisce di più resta proprio il fatto che un socialista di massimo spicco del più grande paese europeo appaia così permeato di deteriore nazionalismo da incorrere nei più vieti luoghi comuni di quelle polemichette, che, vivaddio, dopo le tragedie del secolo passato, dovrebbero essere state finalmente espulse dalla nostra forma mentis.

 

In particolare in un momento difficile come l’attuale, nel quale lo sforzo di costruzione dell’unità politica dell’Europa si configura come la premessa vera di ogni percorso per uscire dalla crisi.

 

 

 


Aggiungi commento