Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

14/12/19 ore

Aborto, alla Regione Lazio è un diritto poco garantito


  • Silvia Soligon

Nonostante in Italia esista una legge che consente alle donne di sottoporsi ad un'interruzione volontaria di gravidanza, le abitanti del Lazio hanno grandi difficoltà a poter usufruire di questo loro diritto. La situazione è talmente grave che l'Associazione Luca Coscioni e l'Aied (Associazione Italiana per l'Educazione Demografica) hanno depositato presso la Procura della Repubblica di Roma un esposto sulla violazione di questa legge, la numero 194 del 1978.

 

Attraverso l'esposto le due associazioni non intendono solo denunciare l'illegittimità in cui versano le strutture ospedaliere del Lazio, ma chiedono anche alla Procura di indagare su una situazione che, facendo venire a meno un servizio garantito per legge, ricade nelle condizioni punite dall'articolo 340 del codice penale, secondo cui “chiunque, fuori dei casi preveduti da particolari disposizioni di legge, cagiona una interruzione o turba la regolarità di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità” è soggetto ai dovuti provvedimenti.

 

A svelare la situazione che si è creata nel Lazio è un'indagine condotta dalla LAIGA, la Libera Associazione Italiana dei Ginecologi per l’Applicazione della legge 194. Secondo i dati raccolti, fra i 31 ospedali presenti nella regione, ben 12 non offrono il sevizio di interruzione di gravidanza. Il motivo sembrerebbe essere la carenza di medici disposti ad eseguire l'intervento: il 91% dei ginecologi operante nel Lazio è, infatti, obiettore di coscienza. Nulla vieta ad un medico la possibilità di rifiutarsi di praticare un aborto. E', infatti, la stessa legge 194 a prevedere l'obiezione.

 

In Italia (e non solo nel Lazio) questa possibilità sta sempre di più facendo venir meno il diritto all'interruzione di gravidanza che dovrebbe essere garantito da questa stessa legge. Infatti la legge 194 stabilisce che le strutture ospedaliere devono assicurare alle donne che intendano interrompere una gravidanza nei limiti e nei modi imposti dalla giurisdizione italiana di poterlo fare. Nel caso in cui non ci fossero medici disposti a soddisfare la richiesta, è la Regione stessa a doverne garantire “l'attuazione anche attraverso la mobilità del personale”.

 

Già nei mesi scorsi Associazione Luca Coscioni e Aied avevano inviato a tutte le Regioni delle proposte concrete per risolvere il problema, inclusa quella di bandire concorsi riservati ai medici non-obiettori. “Non abbiamo ricevuto nessuna risposta – spiegano oggi le associazioni - conseguentemente, visto il perdurare del disservizio, l’esposto-denuncia diventa un atto dovuto affinché siano accertate le responsabilità e le violazioni di legge in capo in questo caso alla Regione Lazio e alle aziende preposte”.


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-10-24 16:11
anche un regime vessatorio e liberticida come l'attuale stato di polizia fiscale che ci opprime ferocemente può indurre i suoi sventurati sudditi al suicidio, ma mai all'omicidio!
una persona di normale moralità non può accettare di degenerare al punto di sopprimere una vita umana in essere!
è già oltremodo riprovevole togliere la vita ad un animale, anche se viene accettato il principio che una vita possa essere soppressa solo x sostenere un'altra vita, come avviene di norma nel mondo animale-
la violazione dei principi spirituali, porta inevitabilmente al decadimento di ogni civiltà, oltre che intellettuale e fisico
ed è in ossequio ai piani di predominio mondiale delle mafie sioniste massoniche, che codesta cricca a loro asservita sponsorizza l'uso di droghe, ogni infamia e licenza morale, alfine di decerebrare specialmente i giovani x facilitare tale programmato predominio.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna