Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

16/07/19 ore

Amnistia, la Cei ne condivide la necessità e l'urgenza



"Senza dubbio la necessità di una amnistia si impone, per affrontare il problema del sovraffollamento nelle carceri e anche per superare le condizioni ambientali spesso insostenibili." A parlare è il Mons. Domenico Pompili, sottosegretario e portavoce della Conferenza episcopale italiana, intervistato ieri nel corso della trasmissione Radio Carcere di Radio Radicale.

 

"Lo Stato - sottolinea mons Pompili - certamente deve continuare ad esercitare la giustizia garantendo il bene comune dei cittadini, a cominciare anche dalla loro sicurezza ed incolumità. Però, come ricordava il card. Bagnasco, la vita dei carcerati non è mai una vita a perdere e di qui la necessità di affrontare il nodo della giustizia, in modo tale che la pena possa assolvere al compito medicinale che le è proprio e nello stesso tempo a garantire i cittadini"

 

"Ma, come spesso mi è dato di conoscere anche attraverso i cappellani delle carceri - prosegue - le persone che sono in carcere restano degli uomini che valgono sempre di più rispetto anche alle azioni di cui si sarebbero – e si sono, molte volte – macchiati. Occorre dare la possibilità di un riscatto: così la società dimostra di essere veramente umana e di essere anche superiore a tutte le bassezze di cui si fanno purtroppo interpreti gli umani".

 

Allo domanda se secondo la CEI sia auspicabile un’intervento del Parlamento che approvi una legge di amnistia e di indulto, il portavoce dei vescovi italiani, ricordando che "dai tempi di Giovanni Paolo II e più di recente anche attraverso le parole di Benedetto XVI a Rebibbia – questa questione sia stata interpretata adeguatamente", auspica "che ci si faccia carico di questo problema, che è un problema certamente complesso, ma probabilmente non rinviabile". (fonte radicali.it)

 


Commenti   

 
0 #1 franco 2012-10-24 16:33
NON 1 MA 10 100 1000 P.LI LORETO
è doveroso fare un amnistia quanto prima, per fare posto ai ben + pericolosi lestofanti di tutti questi partiti canaglia x il loro ladrocinio istituzionale pluridecennale e x l'alto tradimento di avere ceduto alle potenti mafie sioniste massoniche sovranità monetaria e nazionale, gettando così noi sventurati sudditi nel loro abbraccio mortale!
così x la complicità dei partiti canaglia a questo golpista liberticida esecutivo di sicari di dette mafie.
IL GIORNO DELL'IRA E' SEMPRE + VICINO!
PERSECUZIONI, SOFFERENZE, DISPERAZIONE E MORTE CHE INFLIGGETE AI SUDDITI GRIDANO E CHIEDONO SEMPRE + VENDETTA AL COSPETTO DI DIO!
(richiamo solo la disperazione dell'infelice di pochi giorni fa, trasformato in torcia umana davanti ai palazzi di questi turpi poteri!)
a tanta infamia partitokratika:
DUCE RISORGI!
CHE TI PERDONIAMO!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna