Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

21/04/19 ore

Libera la blogger cubana Yoani Sanchez



Yoani Sanchez è libera. La blogger era stata arrestata due giorni fa giorni fa con il marito Reinaldo Escobar e il suo collega Agustin Lopez, nella città di Bayamo, dove si era recata per assistere al processo di Angel Carromero, politico spagnolo accusato della morte in un incidente d'auto del dissidente Oswaldo Paya.

 

Oggi la notizia del rilascio, postata dalla stessa Sanchez sul proprio blog, 'Generacion Y': “Siamo appena stati liberati! Trenta ore di arresto e un mucchio di aneddoti da raccontare – scrive la dissidente cubana sul sito – Grazie a tutti coloro che hanno levato la loro voce e il loro tweet perchè riuscissimo a tornare a casa!”.

 

La giornalista, famosa per le sue critiche feroci al regime castrista, era stata trattenuto in carcere con l'accusa di voler inscenare, “nelle sue funzioni di corrispondente illegale del quotidiano spagnolo 'El Pais'”, “uno spettacolo provocatorio” in tribunale a vantaggio della stampa estera: “la mia intenzione – risponde adesso Sanchez alle accuse – era totalmente giornalistica. Assistere al processo di Angel Carromero e riportare da Bayamo attraverso il mio account twitter”.

 

E sempre al social network la blogger ha affidato i primi racconti sulle 30 lunghe ore trascorse in mano alle autorità cubane: “Mi sono riufiutata di mangiare e di bere qualunque liquido – scrive Yoani – il bicchiere d'acqua che ho bevuto non appena rientrata a casa è stato come fuoco nell'esofago”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna