Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

12/08/22 ore

Il Principe Hanry è nudo, libertà di stampa o diritto alla privacy: questo è il problema



Ci voleva quel buontempone del principe Hanry, fotografato nudo in una stanza d’albergo di Las Vegas nel corso di uno streap-poker in compagnia di amici, per sollevare nuovamente in Gran Bretagna l’annosa questione del confine fra libertà di stampa e diritto alla privacy.

 

Il book fotografico navigava da giorni in rete, quindi visibile già a tutti, ma non era riuscito ancora a sfondare il muro dell’autocensura dei pur voraci tabloid britanni, minacciati dai legali dei Windsor. Questa mattina il Sun, di proprietà di Rupert Murdoch, ha rotto però gli indugi e la riservatezza regale, sbattendo in prima pagina la testa coronata così come l’ha fatta mammà.


“We fight for press freedom”, scrive il 'Sun', spiegando che “le foto hanno implicazioni potenziali per l’immagine del principe, che rappresenta la Gran Bretagna in tutto il mondo. Fanno sorgere dubbi sulla sua sicurezza a Las Vegas. Domande sulla sua posizione nell’esercito”. “Inoltre - prosegue il tabloid - noi crediamo che sia stato Harry a compromettere la sua privacy. Queste non sono foto di lui con la sua fidanzata a Balmoral. Il principe era a Las Vegas, capitale di un paese con forti leggi sulla libertà di stampa, ad amoreggiare in piscina e a invitare estranei a giocare a strip biliardo nella sua camera d’albergo. Questi non sono certo i comportamenti di un uomo che tiene alla sua privacy. E sfortunatamente per Harry, quello che accade a Vegas non resta a Vegas”.

 

Il 'Sun' conclude dicendo che “le foto del principe Harry rappresentano una prova cruciale per la libertà di stampa di questo paese. È assurdo che nell’era di Internet possa essere impedito di pubblicare articoli e storie che milioni di persone hanno già visto online, gratis. Pubblicarli per noi è vitale”.

 

Non la pensa così la Press Complaints Commission (Pcc), l'ente di regolamentazione della stampa che concorda con l'opinione dei legali della famiglia reale che si tratta di un'invasione della privacy del principe, dato che le foto in questione sono state fatte a sua insaputa, nella sua camera d'albergo durante una festa con amici e che "l'interesse pubblico" non c'entra affatto.

 

Opinione fin qui condivisa da molti direttori di giornale, come Daily Mirror e The Independent, che hanno dichiarato di avere deciso di non pubblicare le immagini di Harry semplicemente perché violano la privacy del principe.


Aggiungi commento