Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

12/08/22 ore

Eutanasia, la battaglia di Tony Nickilnson per il diritto di morire



“Condannato dalla legge a una vita di miseria e senza dignità”. Tuttavia Tony Nickilnson non si arrende, anche dopo che l'Alta Corte Britannica ha respinto la sua richiesta di aver riconosciuto il diritto di morire. Nickilnson, 58 anni, è affetto dalla sindrome di Locked e dal 2005 è paralizzato dal collo in giù.

 

I giudici hanno stabilito di non poter autorizzare il suicidio assistito dell'uomo e hanno rimandando la patata bollente al Parlamento britannico. “Non è il risultato che speravo ma me lo ha aspettavo. I giudici sono come i politici: sono più felici quando posso evitare di esprimersi”. Così ha commentato Nickilnson una volta appreso l’esito della sentenza.

 

Da un paio di mesi attraverso twitter, che può utilizzare grazie a uno speciale software, Nickilnson sta raccogliendo firme su una petizione per chiedere di cambiare la legge britannica, introducendo il suicidio assistito e intanto ha annunciato il ricorso contro la sentenza dell’Alta Corte.


Aggiungi commento