Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

11/12/19 ore

Solisti del Teatro: Daniela Giovanetti in BIANCA, omaggio a Moby Dick di Herman Melville



Daniela Giovanetti in scena con lo spettacolo "BIANCAun omaggio a Moby Dick di Herman Melville", di Giovanni Guardigli, all'interno della XXVI edizione del festival I Solisti del Teatro, giovedì 1 agosto alle ore 21,30 presso i Giardini della Filarmonica Romana (Via Flaminia 118)Con Daniela Giovanetti e Norina Angelini, regia di Alessandro Di Murro.

 

A duecento anni dalla nascita di Herman Melville si desidera ricordare il genio americano attraverso il romanzo sicuramente più celebre e celebrato dell’autore: Moby Dick o la balena. Il progetto si svolge i primi giorni di agosto 2019 per essere idealmente il più vicini possibile a quel 1 agosto del 1819 in cui a New York nacque il grande narratore. L’obiettivo di questo spettacolo è creare un’esperienza di racconto pura: cercare di lasciare allo spettatore l’impossibile meraviglia di sentirsi raccontare una grande storia. 

 

All'esperienza e alla grande professionalità di artisti come Daniela Giovanetti, attrice che ha interpretato le più celebri tragedie greche al teatro antico di Siracusa e nei più importanti teatri italiani con registi internazionali, l’autoreGianni Guardigli, celebrato per i suoi testi in Italia ed Europa, interpretati da grandi attori, e Norina Angelini, musicista completa e raffinatissima, si affiancheranno le energie e la carica di sperimentazione tecnica e comunicativa dei giovani artisti toscani Alessandro Di Murro, regista, e Enea Chisci, autore della drammaturgia musicale dello spettacolo.

 

Una voce narrante femminile (perché femmina è la natura), accompagnata da un ensemble musicale, sempre al femminile, ci porterà sulle assi del Pequod, la celebre nave baleniera, insieme a Ismaele, Quiqueg e al capitano Achab, alla ricerca di quella creatura tra il biblico e il mitologico entrata a tutti gli effetti nell’immaginario collettivo con il nome di Moby Dick.

 

Un progetto ambizioso prodotto dalla compagnia teatrale “Gruppo della Creta” che vede affiancarsi generazioni eterogenee con l’obiettivo di costruire una comunicazione efficace e di grande livello artistico ed emotivo. L’aspetto musicale è inoltre impreziosito dall’utilizzo dei brani di Vinicio Capossela, dedicati alla balena bianca, che gentilmente ci ha concesso di rendere drammaturgia sonora. 

 

NCmedia Ufficio Stampa
Nicola Conticello 3271428003

Marco Giovannone 3470370102
Francesca Marras 3392344230

www.ncmedia.it

 

_____________________________________________________  

 

 

  

SCHEDA

 

In cosa consiste il progetto “Bianca”?

 

A duecento anni dalla nascita di Herman Melville desideriamo ricordare il genio americano attraverso il romanzo sicuramente più celebre e celebrato dell’autore: Moby Dick o la balena. Il nostro progetto intende svolgersi intorno ai primi giorni di agosto 2019 per essere idealmente il più vicini possibile a quel 1 agosto del 1819 in cui a New York nacque il grande narratore. 

 

L’obiettivo di questo spettacolo è di creare un’esperienza di racconto pura: cercare di lasciare allo spettatore l’impossibile meraviglia di sentirsi raccontare una grande storia. Una voce narrante femminile (perché femmina è la natura), accompagnata da un ensemble musicale, sempre al femminile, ci porterà sulle assi del Pequod, la celebre nave baleniera, insieme a Ismaele, Quiqueg e al capitano Achab, alla ricerca di quella creatura tra il biblico e il mitologico entrata a tutti gli effetti nell’immaginario collettivo con il nome di Moby Dick.

 

Lo spettacolo potrà essere realizzato in teatri tradizionali o anche in spazi non convenzionali come piazze, oppure proprio davanti all’altro grande protagonista del racconto, il mare, e in altri luoghi naturali. Ogni spazio scelto farà vivere agli spettatori la sensazione di sentirsi persi nel grande oceano, immersi in un grande racconto. Un progetto ambizioso prodotto dalla compagnia teatrale “Gruppo della Creta” che vede affiancarsi generazioni eterogenee con l’obiettivo di costruire una comunicazione efficace e di grande livello artistico ed emotivo.

 

Infatti all’esperienza e alla grande professionalità di artisti come Daniela Giovanetti, attrice che ha interpretato le più celebri tragedie greche al teatro antico di Siracusa e nei più importanti teatri italiani con registi internazionali, l’autore Gianni Guardigli, celebrato per i suoi testi in Italia ed Europa, interpretati da grandi attori, e Norina

Angelini, musicista completa e raffinatissima, si affiancheranno le energie e la carica di sperimentazione tecnica e comunicativa dei giovani artisti toscani Alessandro Di Murro, regista, e Enea Chisci, autore della drammaturgia musicale dello spettacolo.

 

L’aspetto musicale è inoltre impreziosito dal’utilizzo dei brani di Vinicio Capossela, dedicati alla balena bianca, che gentilmente ci ha concesso di rendere drammaturgia sonora. Per finire il progetto avrà un ulteriore supporto ipertestuale realizzato dal film-maker Mattia Mura che, seguendo la costruzione e lo studio dello spettacolo, realizzerà un documentario che accompagnerà gli eventi e ne indagherà le tematiche.

 

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna