Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

24/09/17 ore

Romeo e Giulietta con la regia di Gigi Proietti


  • Giovanni Lauricella

Che Romeo e Giulietta fosse uno dei lavori di William Shakespeare di maggior richiamo non è da dimostrare per quanto è risaputo, eppure Gigi Proietti, che in questa occasione è in veste di regista,  vuole che lo sia di più, lo vuole portare a tutti, ai patiti del teatro e no, come quelli che ne soffrono la distanza culturale.

 

Proietti ne esalta il lato più universale dei personaggi tanto da ambientarli con estrema disinvoltura ai tempi d’oggi come se fosse una comune storia odierna, con musica rap, pop, balletti hip  hop, con tanto di moonwalk e beatbox a volontà accompagnata da allegri coretti di kick drum. E tutto il resto del grande lavoro teatrale del Bardo? Vi chiederete, dove va a finire tutta quella enorme partitura teatrale ? In un sogno che inizia con l’ingresso alla festa in maschera del gruppetto di ragazzi di cui fa parte Romeo alla casa dei Capuleti, loro acerrimi nemici.

 

Così, dalla festa in poi la scena si trasforma in un teatro in costume d’epoca. Sogno che Gigi Proietti propone come se fosse lo sviluppo di una ipotetica storia, l’effettiva partitura di Romeo e Giulietta, che probabilmente non sarebbe avvenuta se non avessero partecipato alla festa e se non si sognasse di amare una donna che è in definitiva il tema portante della trama Shakespeariana.

 

Un racconto che nel momento più drammatico, alla morte dei due personaggi principali, cessa di essere sogno e ritorna nella realtà attuale come pure gli abiti che indossano gli attori, un ritorno ai nostri giorni, fatti di crudeltà e odio che causano i lutti che ci costringono ad essere angosciati testimoni.

 

Un lavoro schietto che trasforma Romeo e Giulietta in uno spettacolo di intrattenimento dove non si disdegnano battute spinte, parolacce e ironiche valutazioni su come Shakespeare ha scritto quest’opera e strizza l’occhio al grande pubblico televisivo dove Gigi Proietti  ha un grosso seguito.

 

Chi poteva fare una migliore trasformazione meglio di chi ha tenuto la serie televisiva di un commissario che se non fosse fatto con quella faccia da pagliaccio come Gigi Proietti sa fare e con quelle moine da romanaccio e di quella autoironia disarmante che tanto piace al pubblico tanto da inchiodarlo la sera nelle poltrone?

 

Questa maestria consumata era riportata con molta disinvoltura e abilità di regia nel dramma di Giulietta e Romeo rendendo molte scene simili a delle macchiette da teatro comico ma che inesorabilmente la possente struttura portante del Bardo piegava nel dramma.

 

Forse a questo punto mancava anche qualche farfalla su un inguine scoperto ma sappiamo tutti che le zoommate nel teatro non si possono fare.

 

Stranamente quello che non ha fatto è quello di tagliare, di accorciare la trama per renderla più sostenibile all’attenzione degli spettatori. Tre ore di teatro sono rischiose per la tenuta del pubblico ma lì penso che abbia supplito l’entusiasmo dei giovani attori del laboratorio teatrale a cui Gigi Proietti tiene tanto e a cui ha finalizzato gran parte di questo lavoro per  rendere un Romeo e Giulietta godibilissimo.

 

Romeo e Giulietta

Regia di Gigi Proietti

Traduzione di Angelo Dallagiacoma

Prodotto da Politeama Srl

Globe Theatre di Roma

Fondazione Silvano Toti

Gigi Proietti direttore artistico

 

Interpreti (in ordine alfabetico)

Coro

Coro

Mercuzio

Giulietta

Balia

Coro

Padre Capuleti

Paride

Frate Lorenzo

Coro

Coro

Padre Montecchi

Coro

Coro

Tebaldo

Coro

Coro

Coro

Madonna Capuleti

Benvolio

Principe di Verona

Coro

Coro

Romeo

NICOLA ADOBATI

LAVINIA ANSELMI

ALESSANDRO AVERONE

MIMOSA CAMPIRONI

FRANCESCA CIOCCHETTI

ANTONIO DE STEFANO

MARTINO DUANE

DIEGO FACCIOTTI

GIANLUIGI FOGACCI

ENRICO GIMELLI

CARLOTTA GRAVERINI

ROBERTO MANTOVANI

RICCARDO MAROTTA

FRANCESCO MASTROIANNI

MATTEO MILANI

VALERIA PALMA

DANIELE PAOLONI

GIANLUCA PASSARELLI

LOREDANA PIEDIMONTE

GUGLIEMO POGGI

RAFFAELE PROIETTI

MATTEO PROSPERI

SIMONE RUGGIERO

MATTEO VIGNATI

 

REGISTA ASSISTENTE

Loredana Scaramella

COSTUMI

Flavia Foglietta

SCENE

Fabiana Di Marco

CONTRIBUTI MUSICALI

Roberto Giglio

DISEGNO LUCI

Umile Vainieri

PROGETTO FONICO

Franco Patimo

MOVIMENTI DI SCENA

Alberto Bellandi

 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna