Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

19/07/24 ore

Jos de Gruyter & Harald Thys – I piccoli pupazzi sporchi di pruppà


  • Giovanni Lauricella

Molte volte e sempre più spesso l’artista si sente in grado di andare oltre il significato stesso di quello che compie, forse per provare a raggiungere nuovi orizzonti, come per dare importanza alle opere che crea.

 

Un atteggiamento, o forse una “maniera”, che coinvolge l’anima dell’arte contemporanea a tal punto che tutto è possibile. Se a questo si aggiunge l’arbitraria appropriazione di un linguaggio o di quello che si vuol definire tale per imporre quello che è di fatto l’opera d’arte, immaginate il caotico guazzabuglio  che ne viene fuori, se tutto ciò viene moltiplicato per l’innumerevole schiera di storici dell’arte, critici, curatori, galleristi e operatori, che egualmente si assumono l’onere di decidere quale è il valore dell’arte, vi potete immaginare la mole del problema.

 

 

Un ginepraio dal quale non sembra possibile uscire: a dimostrazione di ciò pensiamo che chi meglio potrebbe argomentare e perorare in merito sarebbe Achille Bonito Oliva, che dagli anni 70 in poi è stato, se non il creatore, di sicuro uno dei maggiori animatori dell’arte di questi ultimi anni.

 

Eppure si guarda bene dal dare una visione complessiva dell’arte contemporanea, e nemmeno ne scrive. Mi ricordo l’ira funesta del partenopeo Achille al dibattito sulla  mostra  Anni ’70, arte a Roma (fine dicembre 2013- marzo 2014), nella sala conferenze del Palazzo delle Esposizioni, nei confronti di Daniela Lancioni che aveva curato la mostra, perché non sopportava che qualcuno storicizzasse quel periodo, tanto che le fece ammettere pubblicamente che era la sua tesi  di laurea, sottilmente volendo significare che era una mostra didascalica.

 

Forse perché quel periodo se lo sentiva suo o forse perché non gli piaceva come era stata realizzata la mostra, Achille non celava una viscerale opposizione all’operato di Daniela Lancioni anche se, come al solito sfrontato ma elegantissimo, non fece pesare questo suo risentimento a livello personale.

 

 

Tutto questo va ricordato perché, trovandomi da Gavin Brown di fronte a quell’enorme schiera di pupazzi, mi sentivo davvero preso per i fondelli. Una sensazione simile l’ho avuta di fronte all’uomo che si masturba nei quadri di Georg Baseliz, opere che ti trasformano in morboso o stupido vojeur.

 

Jos  de Gruyter & Harald Thys

I piccoli pupazzi sporchi di pruppà

Gavin Brown

V dei Vascellari 69

 

 


Aggiungi commento