Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

01/12/23 ore

Guerra di Antonio Scurati. Libro con numerosi spunti di riflessione


  • Giovanna D'Arbitrio

Il libro di Antonio Scurati, “Guerra” (Ed. Bompiani 2022) senza dubbio offre numerosi spunti di riflessioni e di dibattito soprattutto oggi che la drammatica guerra in Ucraina minaccia non solo l’Europa, ma il mondo intero, se malauguratamente dovesse espandersi ad altri paesi limitrofi.

 

Il libro viene così presentato. “La guerra accompagna l'umanità fin dalle sue origini. Il racconto che la civiltà occidentale ne ha fatto si è declinato essenzialmente in tre modi – la narrazione epica nel mondo antico, quella romanzesca nel mondo moderno e quella televisiva nel mondo contemporaneo. Per capire come la nostra cultura della guerra sia intimamente legata al racconto che ne facciamo, Antonio Scurati legge questi tre modi attraverso quello che chiama il "criterio della visibilità": visibilità come rivelazione, come possibilità di comprendere la realtà di un mondo in guerra.

 

Partendo dall'epica antica – che con l'ideale eroico dell'Iliade ha dato origine a una tradizione millenaria che pensa la battaglia come evento in grado di generare significati e valori collettivi –, attraversando la crisi di questo paradigma nella modernità romanzesca e la sua dissoluzione nella convinzione tutta novecentesca che la guerra sia priva di un qualsiasi senso, arriviamo alla tragica attualità del conflitto raccontato dalla televisione: quando le immagini della guerra sono entrate per la prima volta in diretta nelle nostre case – era il 17 gennaio 1991, data d'inizio della Prima guerra del Golfo – ci siamo illusi che al massimo della spettacolarizzazione potesse corrispondere il massimo della visibilità, e invece ci siamo trovati di fronte a un'apocalisse svuotata di qualsiasi rivelazione. 

 

Un'altra data spartiacque è arrivata dieci anni dopo: dall'11 settembre 2001 la guerra, prima demistificata, è stata investita di nuovo di un significato salvifico, come forma di violenza positiva che si contrappone alla nuova forma di violenza illimitata che è il terrorismo. E non potendo affrontare il terrorismo sul suo terreno, poiché questo non ha territorialità alcuna, la guerra ha abbandonato il reale per assicurarsi il controllo dei cieli dell'immaginario. L'invasione russa dell'Ucraina del febbraio 2022 sembrerebbe a prima vista smentire lo sviluppo di questo paradigma. Putin e la sua guerra, però, non sono l'Occidente: ne sono il nemico. Ma come sta rispondendo l'Occidente a questa offensiva orientale? Forse proprio riattingendo a quegli archetipi millenari che credevamo ormai seppelliti dal pacifismo novecentesco”.

 

In effetti giorno dopo giorno ci sembra di ritornare indietro ad un passato che pensavamo ormai sepolto almeno in Europa dopo secoli di guerre devastanti. Le orrende immagini della guerra in Ucraina ci angosciano e nello stesso tempo ci fanno provare un senso di impotenza, di rassegnazione, fino a correre il rischio di abituarci anche all’orrore. 

 

E il testo sottolinea che “anche quando il paradigma guerra/visione s'infrange nell'età dei mass media elettronici, e del terrorismo mediatico, il suo ribaltamento, la sua ritorsione contro l'Occidente non smette di alimentare le retoriche del potere, di giustificare il ricorso alle armi, di illuderci riguardo alla promessa di una verità rivelata dalla tenebra se non dalla luce. Se fin dai tempi di Omero la guerra era sempre stata il "paradiso dello spettatore", noi contemporanei delle dirette televisive dai fronti di battaglia diveniamo  telespettatori  totali della guerra e, per questa via, spettatori delle nostre stesse vite”.

 

Ci colpiscono gli antichi, consueti, orrendi rituali della guerra, sempre uguali anche se siamo nel 2022: stupri di donne e bambini, violenze di ogni genere, disumane torture, sofferenze e uccisioni ancor più dolorose inferte con armi più distruttive ed efficienti, grazie a progressi scientifici e tecnologici. E ci chiediamo come persone che qualche mese prima forse chattavano su social o whatsApp in un civile paese europeo, si  possano trasformare in guerra in crudeli assassini che  infieriscono su inermi civili senza pietà, senza provare orrore per se stessi! 

 

Ci vengono in mente alcuni ben noti versi di Quasimodo: “Sei ancora quello della pietra e della fionda,/uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,/con le ali maligne, le meridiane di morte,/t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,/alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,/con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,/senza amore, senza Cristo./Hai ucciso ancora,/come sempre, come uccisero i padri, /come uccisero gli animali che ti videro per la prima volta…”.

 

 


Aggiungi commento


Archivio notizie di Agenzia Radicale

é uscito il N° 118 di Quaderni Radicali

"Politica senza idee - La crisi del Partito Democratico"

Anno 46° Speciale Febbraio 2023

è uscito il libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"Napoli dove vai"

Aiutiamoli a casa loro? Lo stiamo già facendo ma male.

videoag.jpg
qrtv.jpg

è uscito il nuovo libro 

di Giuseppe Rippa

con Luigi O. Rintallo

"l'altro Radicale
Essere liberali
senza aggettivi"

 (Guida editori) 

disponibile
in tutte la librerie